Esuberi all’Alfasigma, presidio a Milano

Esuberi all’Alfasigma, presidio a Milano

Il nuovo gruppo farmaceutico italiano annuncia 456 licenziamenti (su 1.626 dipendenti). Zago (Filctem Cgil): “Il progetto industriale non può fare a meno di tutte quelle valide competenze che hanno determinato finora i risultati positivi dell’azienda”

28 settembre 2017 – rassegna.it

Sciopero nazionale e presidio oggi (giovedì 28 settembre) a Milano dei lavoratori dell’azienda farmaceutica Alfasigma. L’appuntamento è sotto la sede di Assolombarda, in occasione della ripresa delle trattative per i 456 licenziamenti (su 1.626 dipendenti). La decisione è del 6 settembre scorso, quando è stato comunicato il nuovo piano industriale, che prevede appunto la necessità di una riorganizzazione fondata sugli esuberi.

“L’obiettivo della trattativa è modificare le gravi scelte organizzative volute dall’azienda, che colpiscono pesantemente tanti lavoratori”. A dirlo è Aldo Zago, del Dipartimento chimico farmaceutico della Filctem Cgil nazionale: “Il progetto industriale di questo nuovo gruppo farmaceutico non può fare a meno di tutte quelle valide competenze che hanno determinato, fino ad ora, i positivi risultati dell’azienda”. I tagli, in particolare, dovrebbero colpire 274 informatici scientifici e 182 impiegati amministratori (di cui 138 nella sede della ex Sigma Tau di Pomezia, a Roma) suddivisi in tutte le sedi aziendali.

La Alfasigma riunisce in un’unica società alcuni tra i maggiori gruppi farmaceutici nazionali, con capitale totalmente italiano (il 75 per cento dell’azienda è della famiglia Golinelli). Attualmente è la terza società del settore, il suo fatturato supera il miliardo di euro. È anche un’azienda appena nata: si è infatti formata il 1° agosto scorso per fusione di Alfa Wassermann, Biofutura Pharma e Sigma-Tau Industrie Farmaceutiche Riunite. I siti produttivi sono ad Alanno (Pescara), Sermoneta (Latina) e Pomezia (Roma), la sede amministrativa è a Bologna e quella legale a Milano (che coordina anche l’attività d’informazione scientifica del farmaco).

Le motivazioni addotte dall’azienda, si legge in una interrogazione parlamentare del deputato Pd Marco Miccoli, sono state: “la dimensione critica in termini finanziari e dell’assetto produttivo per poter agire nel complesso contesto competitivo globale; il lieve decremento del mercato farmaceutico nel canale retail, nel quale si concentra il fatturato Alfasigma; la spesa nazionale farmaceutica nazionale inferiore del 30 per cento rispetto agli altri grandi Paesi europei; il contenimento della spesa nel settore, come ad esempio nella revisione del prontuario avvenuta nel 2015; la duplicazione di alcune figure professionali che si è determinata con la definitiva maxi-fusione”.

Notizie correlate: Licenziamenti Alfasigma. Interrogazioni alle Camere

Comunicato mobilità di Alfasigma

ALFASIGMA, avviata procedura di licenziamento per 456 lavoratori, 274 Informatori scientifici

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Related posts

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi