Farmaci SOP, ammessa la pubblicità al pubblico. N.d.R.: L’informazione sui farmaci da prescrizione può essere fatta solo dagli ISF

Farmaci SOP, ammessa la pubblicità al pubblico. N.d.R.: L’informazione sui farmaci da prescrizione può essere fatta solo dagli ISF

Pubblicità ammessa anche per i farmaci senza obbligo di prescrizione SOP che, a differenza dei medicinali senza ricetta denominati OTC, non possono essere esposti sul banco per la libera vendita dal farmacista e ai quali è stata, fino ad oggi, negata la possibilità di promozione.

Farmaci SOP, ammessa la pubblicitàLo stabilisce una sentenza del Consiglio di Stato (n. 2217 del 12 maggio) che boccia l’appello del ministero della Salute contro la sentenza del Tar del Lazio del giugno scorso.

Il dicastero si appellava per annullare o modificare la pronuncia del tribunale regionale a favore di Kwidza Pharma Gmbh e Chefaro Pharma per l’autorizzazione della pubblicità ad un prodotto Sop.

adnkronos – 17/05/2017

Notizie correlate: Consiglio di Stato, sez. III, sentenza n. 2217/17; depositata il 12 maggio

La sentenza del Tar Lazio sulla pubblicità dei farmaci SOP

Farmaci SOP. Libertà di pubblicità al pubblico come per gli OTC. La sentenza del Tar Lazio

Federfarma. Sop e pubblicità, dal Tar Lazio sentenza che fa discutere


N.d.R.: Com’è noto, o come dovrebbe essere noto, la pubblicità sui farmaci da prescrizione è vietata. L’unico modo legale che le aziende farmaceutiche hanno per far conoscere i propri farmaci ai medici è l’informazione scientifica e gli unici autorizzati a farla sono gli Informatori Scientifici del Farmaco. Si veda a tal proposito il D.Lgs. 219/06, art. 122, comma 1: “L’informazione sui medicinali può essere fornita al medico e al farmacista dagli informatori scientifici“.

Premesso questo, è assurdo e allucinante che una giunta Regionale come quella dell’Emilia-Romagna promulghi un regolamento d’informazione scientifica in cui si fa divieto d’informazione scientifica negli Ospedali e negli Ambulatori che fanno capo al Servizio Sanitario Regionale. E gli Informatori, al di fuori ovviamente dell’attività assistenziale, dove possono essere ricevuti dai medici? Nelle loro abitazioni private? Il provvedimento preso dalla Regione Emilia-Romagna in pratica vieta un diritto stabilito da una legge nazionale.

È un concetto molto semplice che con un po’ di sforzo cognitivo potrebbe comprendere anche il Presidente della Regione

Notizie correlate: Articolo: “Emilia Romagna, dalla Regione un limite agli ‘omaggi’ ai medici”. N.d.R.: “Un concentrato d’ignoranza”

Related posts

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi