Novartis: l’informazione medica potrà essere svolta solo dall’ISF e da solo

Novartis: l’informazione medica potrà essere svolta solo dall’ISF e da solo

Comunicato Novartis Farma

In data 14 settembre abbiamo incontrato la Dru e l’avvocato D’Ovidio sul tema degli degli affiancamenti che vengono effettuati da personale/dirigenti aziendali agli informatori scientifici.

Risultati immagini per venditore con il capoCon reciproca soddisfazione abbiamo raggiunto un accordo che da OGGI STABILISCE CHE L’INFORMAZIONE MEDICA POTRÀ ESSERE SVOLTA SOLO DALL’ISF E DA SOLO, nel rispetto degli accordi stato regione già citati nella scorsa comunicazione e delle numerose sentenze sul tema e quindi nel rispetto delle policy Novartis.

Il personale\dirigenti aziendali, che NON ha la qualifica di informatore scientifico, potrà ovviamente fare la propria attività lavorativa e professionale -definita dalla loro qualifica- presso i clinici sul territorio, SENZA PERÒ ASSISTERE NE’ FARE PERSONALMENTE INFORMAZIONE SCIENTIFICA.

Questa soluzione rispetta sia gli interessi aziendali, sia il lavoro di tutti e tutte i lavoratori Novartis quale che sia il loro ruolo e inquadramento e ovviamente le leggi vigenti sull’informazione scientifica .

Chiediamo quindi a tutti i lavoratori e le lavoratrici Novartis, in tutte le loro qualifiche, di adeguarsi nel rispetto di questo accordo nell’interesse collettivo.

Durante l’incontro abbiamo trattato anche altri argomenti :

In primis ribadiamo che call plan , profilazione Maestro e qualsiasi tool aziendale, sono facoltativi. Riguardo MyRepConnect/Professionisti Salute abbiamo concordato un incontro con il dott. Barbieri e i responsabili del progetto per affrontare tutte le problematiche connesse.
Durante le assemblee di Novembre entreremo nei dettagli di tutti questi argomenti, oltre che del Progetto pilota pasti in sede, orari di lavoro, linea Ophtha, che vista la loro importanza meritano un tempo e una condivisione maggiore con Voi tutti e tutte.

Rsu Novartis

Il Comunicato


Il commento di Sergio Cardinali (Filctem)

Ogni tanto una buona notizia ci aiuta ad andare avanti nel nostro lavoro con determinazione. Dopo le sentenze arrivano i primi accordi contro l’affiancamento illegale degli informatori tra la Rsu e la Novartis. Forse sarebbe il caso di verificare cosa fanno tutte le aziende o no? Un applauso alla Rappresentanza Unitaria dei Lavoratori e, perché no, in questo caso anche all’azienda.


LINEE GUIDA DI REGOLAMENTO REGIONALE DELL’INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO

AI SENSI DELL’ART. 48 COMMI 21, 22, 23, 24 DELLA L. 24.11.2003 N. 326

  1. Gli ISF devono svolgere la loro attività presso i medici da soli; la presenza del capoarea o di altre figure professionali non correlate all’attività di informazione scientifica, è ammessa solo per funzioni diverse dalla informazione scientifica.

Notizie correlate: Torre Annunziata – Novartis, 44 licenziamenti in vista per il personale indiretto

Quale ruolo per il Capo Area? Colpevoli o innocenti?

ISF si suicida dopo il licenziamento: i PM accusano il capo area

Sentenza. Non viola il rapporto fiduciario tra azienda e dipendente una mail di scuse ad un medico per l’atteggiamento del capo area in affiancamento

Sentenza Tribunale di Marsala. L’ISF non è agente di commercio

Cassazione. Non è agente di commercio l’informatore scientifico

Trib.LaSpezia.Sentenza.370.2016

AIFA.Chiarimenti su ISF

Related posts

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi