Spagna. Teva: la crisi dei generici

Spagna. Teva: la crisi dei generici
ROSA SALVADOR, Barcelona – 

Come Saturno che divora i suoi figli, l’ industria dei farmaci generici divora le sue aziende. E anche il leader del settore, la società israeliana Teva non è stata in grado di resistere alla pressione di un modello di business basato sulla continua erosione dei prezzi nel momento in cui le unità vendute non crescono come prima perché non ci sono più così tanti blockbuster che perdono il loro brevetto e perché la sua quota di mercato è già molto elevata e monopolizza il mercato per quasi il 60% della quota nel mondo dei paesi più sviluppati.

Teva, icona dell’industria israeliana, ha annunciato poche settimane fa la sua intenzione di licenziare 14.000 persone, il 25% dei lavoratori in tutto il mondo, all’interno di un piano di rettifiche di costi per invertire il deterioramento della società, che aveva perso la metà del suo valore di mercato nel corso degli ultimi dodici mesi.

La società licenzierà 14.000 persone, 1.750 in Israele, e Gerusalemme chiuderà la fabbrica

TEVA scioperoJorge Bagan, responsabile delle scienze della vita e socio sanitaria Deloitte, osserva che nel caso di Teva, sono stati aggiunti all’erosione dei prezzi dei generici problemi specifici: un debito di 35.000 milioni di dollari (1,4 volte il suo fatturato annuo), dovuto principalmente all’acquisto della rivale statunitense Actavis, e alla perdita di brevetto del proprio farmaco per la sclerosi, Copaxone, che ha contribuito al 40% dei suoi profitti.

Il piano di Teva per superare la sua crisi include la chiusura di fabbriche (inclusa Gerusalemme), la cessione di alcuni rami d’azienda, la sospensione del dividendo e il bonus di lavoratori e dirigenti. I tagli interesseranno “solo” 1.750 lavoratori in Israele (esattamente il 25% della sua forza lavoro), ma ha causato un vero e proprio terremoto politico e sociale: il primo sindacato israeliano Histadrut, ha proclamato uno sciopero generale di mezza giornata e scioperi parziali in Teva e anche il primo ministro Beniamin Netanyahu ha detto che userà tutti i mezzi per mantenere la fabbrica aperta a Gerusalemme. Teva è stata per anni il primo datore di lavoro di Israele, è ancora il più grande esportatore, ma era ancora di più: il primo caso di successo economico internazionale e ha rappresentato un simbolo per il paese. Inoltre, secondo i sindacati, ha beneficiato di esenzioni fiscali, pari a 6.000 milioni di dollari negli ultimi dieci anni. Kare Schultz, ex dirigente danese di Novo Nordisk. ha firmato nel mese di ottobre, come presidente della società. di cercare di sbloccare la situazione ma non è riuscito a rimediare, ma ha ritardato la chiusura dello stabilimento di Gerusalemme fino al 2019.

Le vendite del settore hanno subito una stagnazione e i tagli di prezzo lasciano margini al 3%

Bagan osserva che “la pressione sui prezzi dei farmaci continuerà, perché i governi hanno bisogno di rendere i sistemi sanitari sostenibili. E le aziende di generici sostengono che il 70% dei costi sono di produzione e distribuzione, ciò non permette rimanere redditizio l’abbassare i costi o di concentrarsi o di realizzare economie di scala. ” Secondo i dati EvaluatePharma, l’industria rimane frammentata, con 20 grandi imprese di grandi dimensioni e solo due più grandi, Teva e Sandoz, con una quota di mercato a doppia cifra. E le vendite sono quasi stagnante dal 2014, e lo scorso anno ha raggiunto 79.000 milioni di euro.

Angel Luis Rodriguez de la Cuerda, CEO di AESEG, rappresentante dei datori di lavoro spagnoli di prodotti di generici, ha detto che la caduta nel prezzo dei farmaci generici spesso raggiungono i loro limite: il punto cioè in cui le aziende non coprono i costi. Con molti farmaci con prezzi di vendita inferiori 2 euro, il settore ha già margini simili alla grande distribuzione, solo il 2% o 3%, in un ambiente di aumenti (elettricità, acqua, salario fisso, ecc). “Quando un generico entra nel mercato pone una riduzione di almeno il 40% del farmaco di marca, ma aumenta dopo 2 o 3 anni e supera il 70%, ed i prezzi continuano a cadere. Questa dinamica può essere mantenuta solo con l’aumento dei volumi di vendita e i governi dovrebbero essere più sensibili e promuovere il più possibile la prescrizione del generico ” ha detto.

20 anni del settore in Spagna

I generici cominciarono ad essere venduti in Spagna 20 anni fa e dopo un periodo di crescita esplosiva tra il 2010 e il 2015, guidato dal governo per tagliare la spesa farmaceutica, ha fermato la sua crescita allo 0% lo scorso dicembre. Il CEO di AESEG, Angel Luis Rodriguez de la Cuerda, indica che in Spagna i farmaci generici rappresentano il 40% delle unità vendute, rispetto al 62% della media europea, valutato al prezzo di fabbrica di 2.000 milioni di euro. Rodriguez osserva che il 70% dei farmaci generici venduti in Spagna sono prodotti qui, una percentuale inusuale in Europa, in modo che il settore mantiene 9.000 posti di lavoro diretti e 23.000 posti di lavoro indiretti.

Related posts

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi