Archivio Storico

Emendamenti principio attivo: un equilibrio tra risparmio e tutela dell’industria?

By Giacomo Giannecchini on 18 novembre 2012 Quelli che la Farmacia Magazine

Gianfranco Simoncini, assessore alle attività produttive della Regione Toscana, che già diverse settimane fa si schierò apertamente dalla parte di Farmindustria nel contenzioso con il governo per la norma dell’obbligo di prescrizione con principio attivo (schieramento condiviso un po’ da tutta la Regione Toscana), torna a parlare in proposito dopo i nuovi emendamenti: “Un punto di equilibrio tra le esigenze di risparmio del sistema sanitario e la tutela dell’industria farmaceutica nazionale va trovato. Gli emendamenti al decreto sviluppo presentati ieri in commissione al Senato da Udc, Lega, Pdl e Pd alle norme sulla prescrizioni dei generici vanno in questa direzione e mi auguro quindi che vengano approvati. Quella che sta emergendo in Parlamento e’ la strada giusta per una soluzione nell’interesse dell’intero sistema-paese: va intrapresa con convinzione”. L’assessore e tutta la giunta Toscana da tempo sostengono le ragioni dell’industria farmaceutica, anche in considerazione del fatto che nel loro territorio gli investimenti che questo tipo di industria ha fatto sono davvero ingenti. Qualsiasi norma che vada contro gli interessi della industria farmaceutica, colpisce piuttosto direttamente la Regione Toscana. Molti analisti erano piuttosto sorpresi dalla politica dell’industria farmaceutica, che a parte qualche incontro con il governo, qualche dichiarazione forte, qualche protesta eclatante ma poco convincente, non aveva messo finora in evidenza nemmeno una parte della forza che ci si aspetterebbe da una potenza economica simile. La mossa è arrivata, la strategia si è scoperta: mentre ardeva qualche fuocherello di paglia, con ricatti, minacce, proteste… sotto traccia si cercava di arrivare in Commissione Industria, nel Senato, alla Camera, dentro il Governo stesso. Il risultato? 4 emendamenti, molto simili, presentati da Udc, Lega, Pd e Pdl alla norma che obbligava alla prescrizione tramite principio attivo. Gli emendamenti, che verranno votati in Commissione nella prossima settimana, di fatto trasformano quell’obbligo, considerato ingiusto, in una facoltà. Ovvero rende inutile la norma. In Parlamento non si fanno norme specifiche per stabilire cosa è facoltativo scrivere nelle ricette; solitamente a questo grado, il legislatore stabilisce cosa è d’obbligo. Lo scopo fondamentale della norma era lanciare una volta per tutte i generici, guardando al risparmio dello Stato e del cittadino, e d’altra parte condannando le

Articoli correlati

Back to top button