News

“L’uomo più odiato d’America” condannato a pagare 64 mln di $ e bandito a vita dalla farmaceutica per aver manipolato il prezzo di un farmaco

Martin Shkreli, meglio conosciuto come "l'uomo più odiato d'America", ha alzato del 4.000% il prezzo di un farmaco salva vita

Uomo più odiato degli USA, costretto a pagare 64 mln USD per aver manipolato prezzo di un farmaco

Sputnik news – 17/01/2022

Martin Shkreli, meglio conosciuto come ‘l’uomo più odiato d’America‘ per aver alzato del 4.000% il prezzo di un farmaco salva vita, è stato bandito a vita dall’industria farmaceutica e condannato a pagare 64,6 milioni di dollari.

La cifra corrisponde ai profitti ottenuti dopo aver aumentato il prezzo di un farmaco chiamato Daraprim nel 2015, usato per curare la malaria e che può essere prescritto anche a pazienti con HIV. Il farmaco, che per lungo tempo è stato economico e accessibile, è arrivato a costare 750 dollari rispetto ai 13,50 del prezzo iniziale, con un aumento del 4.000%.

Il famigerato uomo d’affari, che ha vissuto in una prigione federale in Pennsylvania per sette anni per aver frodato gli investitori di una delle società biotecnologiche da lui fondate, dovrà ora affrontare un processo per il suo ruolo in Vyera Pharmaceuticals.

Questa società, precedentemente denominata Turing e proprietaria del brevetto per Daraprim, l’unico farmaco approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento della toxoplasmosi, era ancora controllata da Pharma Bro.

Il 14 gennaio il giudice distrettuale statunitense di Manhattan, Denise Cote, ha deciso di sospendere a vita Martin Shkreli dall’industria farmaceutica e lo ha condannato a pagare 64,6 milioni di dollari, equivalenti ai profitti che ha ottenuto con l’aumento sproporzionato del prezzo del farmaco.

“Shkreli non era un giocatore secondario o un beneficiario remoto e non correlato del piano di Vyera. Era la mente dietro la sua condotta illegale e la persona principale responsabile di essa nel corso degli anni. La condotta anticoncorrenziale di Shkreli a scapito della salute pubblica è stata palese e sconsiderata”, ha motivato Cote.

Nel 2015 Turing, società gestita da Kevin Mulleady e Shkreli, ha acquistato Daraprim, il cui principio attivo è la pirimetamina, appartenente al gruppo di farmaci chiamati antimalarici. L’azienda ha impedito l’accesso al Daraprim alle aziende farmaceutiche che producevano farmaci generici, quindi non hanno potuto effettuare i test richiesti dalla FDA e aveva bloccato l’accesso anche ai due più importanti produttori del principio attivo.

Nel 2020, Cote e la Federal Trade Commission hanno intentato una causa contro Vyera Pharmaceuticals, Shkreli e Mulleady per violazioni dell’antitrust.

 

 

Chi è “Pharma Bro”?

A soli 21 anni Shkreli, figlio di immigrati albanesi, ha fondato il suo primo fondo di investimento. Nel 2012, l’uomo d’affari più odiato degli Stati Uniti ha creato Retrophin Pharmaceuticals, dedicata al trattamento delle malattie rare. Nel giro di due anni ha venduto la sua quota e fondato Turing Pharmaceuticals.

La controversia che circonda Daraprim non è l’unica controversia legale in cui è stata coinvolta Pharma Bro. Nel 2015 è stato arrestato per frode e gestione di uno schema Ponzi con il fondo di investimento MSMB Capital Management.

Il nome di Shkreli aveva guadagnato maggiore notorietà durante la campagna presidenziale tra Hillary Clinton e Donald Trump, poiché la democratica aveva denunciato i metodi illegali di Turing Pharmaceutical come esempio di truffe sui prezzi dei farmaci.

Notizie Correlate: Come Martin Shkreli è diventato l’uomo più odiato del mondo

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button