Primo Piano

Rettifica del Dott. Bianchi

In seguito alla comparsa dell’articolo sulla vostra pagina edita dalla Rete di San Marino, voglio specificare a lei direttore e al presidente della FEDAIISF che ho provveduto con querela per diffamazione nei confronti della Rete e se non rettificherete quanto scritto farò ugualmente nei vostri confronti con richiesta danni.

Inoltre mi domando come può una testata seria pubblicare certe notizie senza alcuna verifica? Soprattutto come si può pubblicare una notizia comunicata dalla procura alla apertura di una indagine (non supportata da alcune reato documentato) dove il merito delle diagnosi opportune per ogni prescrizione la fanno i NAS ed il PM?

Oltretutto la diffamazione avviene anche nei confronti della Sandoz, cosa che nello specifico non mi riguarda, ma dimostra la superficialità del modo di operare sia della Rete e anche vostra. La Sandoz è una delle aziende più serie in Italia. Io ho prescritto il loro prodotto Omnitrope (GH) perché costa la metà (e non ho mai preso tangenti) di quelli in commercio (verificate prima di parlare. Però anche a livello ospedaliero mi risultava che fosse quello meno prescritto.

Soprattutto chi scrive dimostra una grande ignoranza del problema DOPING, cioè non sa nemmeno di cosa sta parlando ed anche della organizzazione CONI.
Infatti un giornalista documentato sa come funzionano le cose nel mondo professionistico e come è gestito il CONI, che anziché tutelare la salute dei atleti professionisti, quelli con i quali ha entrate economiche, elargisce moralistiche sospensioni per doping.

Quali sono gli atleti professionisti dopati? Come mai il sottoscritto che pur essendo specialista in medicina dello sport non sono mai stato medico sportivo del CONI? La risposta è semplice e se non l’avete capita ve la do io: non faccio il medico sportivo.

Il CONI ha emesso una sentenza che non ha alcun significato: ha sospeso un soggetto che non è un suo membro. A parte la incostituzionalità della sentenza e dell’appella fatto in Cassazione contro tale sentenza. Per finire vorrei dire due cose sulla Rete: sono consci del disastro economico sammarinese e delle innumerevoli scelte sbagliate fatte in passato e che porteranno la Repubblica alla fame? Se avete qualche quesito, contattatemi pure.
Cordiali saluti.

Vittorio Bianchi

 

N.d.R.: Il sito Fedaiisf.it riporta, salvo quando specificamente precisato, tutto ciò che viene pubblicato, in forma elettronica o cartacea, con i precisi riferimenti, ciò che è di interesse diretto o indiretto sull’Informazione Scientifica.

La notizia, del 30 settembre 2014, cui fa riferimento il Dr. Bianchi, era un comunicato stampa del movimento R.E.T.E., ripreso anche da altre testate giornalistiche, come il Resto del Carlino o il Fatto Quotidiano (si veda il link della notizia correlata) e supportate, come dice lo stesso Dr. Bianchi, da dichiarazioni dei NAS e dei PM, considerati fonti ufficiali.  Non era certo nostra intenzione entrare nel merito di questa vicenda.

Ci fa piacere che il Dott. Bianchi possa dimostrare la sua estraneità ai fatti e volentieri pubblichiamo la sua rettifica. Ci scusiamo se il Dr. Bianchi abbia ritenuto nostra responsabilità aver riportato notizie ritenute da lui lesive della sua dignità o contrarie a verità.

Il sito Fedaiisf.it inoltre non è responsabile di quanto affermato dal Dr. Bianchi che se ne assume la piena responsabilità.

Notizia correlata: Il dottor Bianchi intervistato da Laudadio. “Farmaci opportuni, non pratico doping”

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button