News

Le medicine vanno prese sul serio. Cure inefficaci perché seguite male

In Italia solo la metà delle persone cui è stata prescritta una cura di lunga durata segue ancora le indicazioni del medico dopo un anno. Errori in termini di dosi e tempi

di Elena Meli – 23 marzo 2015 – CORRIERE DELLA SERA / SALUTE

Appena usciti dall’ambulatorio del medico con la ricetta in mano ci sentiamo già un po’ sulla via della guarigione: abbiamo la prescrizione, sappiamo che cosa fare per stare meglio. Peccato che la strada sia in salita, d’ora in poi: quello a cui infatti non si pensa mai abbastanza è che si deve “aderire” alla terapia perché funzioni, seguendola nei modi e nei tempi indicati. Banale? Tutt’altro: secondo i dati di una recente revisione della Cochrane Collaboration (ente di ricerca indipendente per la valutazione della ricerca scientifica), appena metà dei pazienti prende i farmaci come prescritto.

E anche le cure più efficaci e innovative possono essere fallimentari se poi non vengono fatte come si deve. «Non basta una scelta appropriata del farmaco, serve l’aderenza o compliance al trattamento perché questo funzioni — spiega Achille Patrizio Caputi, docente di farmacologia all’Università di Messina, fra i firmatari, nel 2013, di un Manifesto per l’Aderenza alla terapia farmacologica in Italia —. Purtroppo tutti i dati a disposizione indicano che pochi si curano secondo le istruzioni date dal medico: uno studio della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) su 21 mila ipertesi ha dimostrato che dopo il primo anno solo metà dei pazienti prende ancora i farmaci».

«E dati simili — prosegue Caputi — si osservano per moltissime patologie, soprattutto croniche e senza un rischio immediato per la salute: i medicinali per ridurre il colesterolo o prevenire le fratture da osteoporosi, quelli per diminuire la probabilità di trombi o per tenere bassa la glicemia non eliminano un sintomo fastidioso o un problema che mette a repentaglio la vita, così i pazienti li percepiscono come poco importanti e li dimenticano. Anche perché sono sentiti come un peso, dovendo essere assunti regolarmente e, di fatto, per sempre. Eppure, nel caso dell’ipertensione sappiamo che con un’adesione alla terapia superiore all’80% (in pratica, una situazione in cui vi sia solo un 20 per cento di errori fra mancate assunzioni del farmaco o simili, ndr) il rischio di eventi cardiovascolari come infarti e ictus diminuisce tantissimo. In altre parole le cure funzionano, se sono seguite davvero».

Gli sprechi

Non farlo comporta costi enormi, perché i medicinali vengono buttati e perché non curarsi o farlo male significa andare incontro a ricadute e ricoveri evitabili; in alcuni casi, poi, prendere i farmaci soltanto per poco tempo è come non averlo mai fatto o addirittura peggio. «La persistenza della terapia, ovvero curarsi per tutto il periodo indicato dal medico, è infatti un altro punto cardine perché i trattamenti abbiano effetto — sottolinea Claudio Cricelli, presidente SIMG —. Se prendo i farmaci per un po’ e poi smetto, credendo di stare bene, la malattia cronica non resta dormiente ma va avanti: quando tornerò ad affrontarla sarà peggiorata e sarà più difficile aggredirla.

Un classico è il farmaco anticolesterolo mollato al primo esame in cui i livelli sono discreti, dimenticandosi che il risultato è stato possibile grazie al medicinale. Altrettanto tipico l’abbandono delle terapie croniche quando si prende un’influenza: tutti pensano che interromperle per qualche giorno non possa far male, invece le sospensioni di cura possono avere effetti anche gravi». «Inoltre, — prosegue Cricelli — pochi pensano a quanto siano importanti adeguati controlli periodici, che così vengono spesso trascurati; invece, l’adesione ai test regolari serve a monitorare la terapia e ne è parte integrante, perché è il mezzo migliore per capire se stia funzionando o se debba essere modificata».

Difficoltà con gli anziani

L’aderenza ai trattamenti è problematica soprattutto fra gli anziani: i deficit cognitivi, le difficoltà di comprensione da parte dei badanti non italiani (oggi sono almeno un milione gli anziani gestiti da stranieri, spesso senza preparazione specifica) e soprattutto le politerapie rendono complicato seguire le cure nel modo giusto. Stando ai dati dell’Agenzia Italiana del Farmaco, circa metà degli over 65 prende da 5 a 9 medicinali al giorno, l’11% addirittura più di 10 per le numerose malattie che si accumulano negli anni: anche volendo, pare impossibile non fare errori.

Così, secondo la Cochrane Collaboration, all’aumentare del numero di farmaci prescritti cala inesorabilmente la compliance: il tasso medio è dell’80% in chi deve prendere un medicinale al giorno, ma crolla al 50% quando se ne deve assumere più di uno o se i farmaci vanno presi più di una volta al giorno. «Peraltro — interviene Nicola Ferrara, presidente della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria — se si mettono in uno stesso “calderone” terapeutico prodotti indispensabili con altri solo di supporto può capitare che il paziente, se non è informato a dovere, faccia a meno del medicinale essenziale per alleggerire il carico complessivo. L’informazione è il nodo cruciale: uno dei principali motivi della scarsa aderenza è il poco tempo dedicato ai malati o a chi si occupa di loro per spiegare chiaramente tutti gli aspetti dei trattamenti e la loro importanza».

Farmaci errati, capita spesso

Per limitare il problema è stato lanciato un progetto pilota; coinvolto l’ospedale di Mendrisio

lunedì 23/03/15 15:59 – ultimo aggiornamento: lunedì 23/03/15 – RSI

Il 10% dei ricoverati negli ospedali svizzeri subisce danni a causa di errori nell’uso dei farmaci. La constatazione ha spinto l’organizzazione Sicurezza dei pazienti a lanciare un programma per una verifica sistematica della farmacopea. Per raggiungere l’obbiettivo, sono state predisposte delle liste da compilare dal momento del ricovero a quello della dimissione. Anche chi è sottoposto alle cure è invitato a prendere parte alla trafila.

Fra le nove strutture che partecipano al progetto pilota figura anche il Beata Vergine di Mendrisio.

Si calcola che, ogni anno, siano 20’000 i ricoveri dovuto all’impiego errato di medicinali e che almeno un terzo di questi potrebbe essere evitato.

ATS/dg

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco