Medici e generici

Medici e generici

I medici di base hanno ancora poca fiducia nei confronti del farmaco generico: non sono pienamente convinti della sua efficacia terapeutica, ma lo prescrivono, pur con qualche riserva, a pazienti che, dal canto loro, cominciano a richiederlo più frequentemente. E’ il risultato del sondaggio del Centro Studi Merqurio effettuato nell’ultima settimana di aprile su un campione di 204 medici di base in tutta Italia.

Alla domanda "l’equivalente ha la stessa efficacia terapeutica del farmaco branded", solo il 37,6% dei professionisti interpellati ha risposto sì, il 57,4% non si fida (37,4%) o lo fa solo in alcuni casi (25,9%), mentre un 4,9% non sa rispondere.

Un dato in parte smentito dalle indicazioni sulle prescrizioni, effetto probabilmente delle varie campagne a favore del farmaco non griffato promosse negli ultimi tempi dal ministero e dalle Asl locali: se c’è un ‘irriducibile’ 42,6% che scrive sulla ricetta il farmaco di marca, il 57,4% va nella direzione opposta: il 38,9% dei camici bianchi precisa solo il nome del principio attivo o il principio attivo seguito dal nome dell’azienda produttrice (18,5%).

C’è da dire che la maggior parte dei pazienti (64,8%) in linea di massima appare ben disposta nei confronti dell’equivalente, con una punta del 21% che "spesso lo richiede" e un 43,8% che lo accetta ma "solo in alcuni casi". Resiste, comunque, uno zoccolo duro del 35,2% dei pazienti che invece non vuole assolutamente saperne di assumere un generico.

Più frammentata la risposta dei medici al quesito sui recenti tagli ai listini dei farmaci a brevetto scaduto in vigore dal 15 aprile: il 23,4% sostiene che gli sconti faranno vendere più equivalenti, per il 19,1% "può essere" contro un 19,75% che ritiene inutili questi tagli "perché non serviranno a incrementare le vendite del generico". Il 15,4% non è informato. I tagli, però, per il 37% dei medici comprometteranno la qualità del generico, a cui va aggiunto un altro 32,7% che ammette questa possibilità.

(B.D.C. 10 maggio 2011 – Pharmakronos)

 

«Farmaci generici penalizzati, le grandi marche tornano favorite»

  IL CASO Nel Lazio è scontro sul ticket dei farmaci generici. A scagliare la prima pietra è il senatore dell’Idv, Stefano Pedica. «Da una settimana – denuncia il segretario dei dipietristi del Lazio – sotto il silenzio assordante di chi non vuol far saper

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!