Argentina. ISF mobilitati contro i licenziamenti nel settore farmaceutico: “Sono una truffa”

Argentina. ISF mobilitati contro i licenziamenti nel settore farmaceutico: “Sono una truffa”

Il sindacato dei vitadores médicos (ISF) ha organizzato un presidio al di fuori del Congresso per denunciare l’intenzione di una azienda farmaceutica di licenziare più di 100 lavoratori. Inoltre, assicurano che il settore non sta attraversando una crisi, nonostante le parole dei suoi dirigenti. La settimana scorsa furono costretti a reintegrare tre leader sindacali in Elea-Phoenix, aprendo così la possibilità di nuovi reintegri.

15 de julio de 2019 – Diego Lanese / Especial para Gestión Sindical

Per due giorni, gli ISF hanno organizzato un presidio al di fuori del Congresso per denunciare le varie manovre dell’industria farmaceutica per licenziare i lavoratori, compresi i rappresentanti sindacali. La protesta era parte di una settimana di attività contro la politica del lavoro delle aziende, da quattro anni nessun accordo è stato raggiunto nel suo tentativo di riformare le condizioni del lavoro flessibile. Durante la giornata, altri sindacati hanno espresso la loro solidarietà, insieme con l’adesione di deputati e di altri settori. Il conflitto principale è iniziato nell’azienda Elea-Phoenix, dove i licenziamenti hanno colpito circa 100 dipendenti, e dove sono concentrati molti leader dell’Associazione dei visitadores médicos e de Agentes de Propaganda Médica (AAPM).

La scorsa settimana, una sentenza ha reintegrato un gruppo di delegati sindacali, la qual cosa apre la porta a una nuova ondata di reintegri. Il sindacato ha denunciato che l’intenzione del settore è quello di indebolire le organizzazioni sindacali, e ha sottolineato i “profitti straordinari” delle aziende. C’è polemica sui numeri reali derivanti dalla vendita di farmaci, che aumentano di prezzo al di sopra dell’inflazione, ma che nel canale retail delle vendite perdono un po’ di terreno.

La protesta degli ISF è durata due giorni, è cominciata Mercoledì nella Plaza de los Dos Congresos. Lì, il sindacato ha di nuovo denunciato i “licenziamenti fraudolenti” di più di 100 lavoratori da parte dell’azienda Elea-Phoenix, il conflitto principale del settore, ma non l’unico. L’evento, che si è conclusa con una cerimonia guidata dal segretario generale del sindacato, Ricardo Peidro, faceva parte di una settimana di proteste per denunciare le aziende che da quattro anni non firmano accordi e licenziano personale, nel tentativo “di rendere flessibili le condizioni di lavoro e indebolire il sindacato “.

Nel caso di Elea, l’Unione Sindacale ha ricordato che la gestione sindacali dei licenziamenti era “volta a colpire delegati e membri del sindacato, perché è in atto una vera e propria crociata contro l’AAPM”. I quasi 120 licenziamenti sono stati giustificati con l’acquisto di Phoenix – un laboratorio che la famiglia Sielecki-Gold aveva venduto qualche tempo fa alla Glaxo britannica e che ora è stata recuperata – sostenendo l’aumento del personale ISF.

Ma il sindacato però sostiene che questa è una scusa. La stessa fonte ha aggiunto che “Vogliono modificare le leggi sulla professionalità, in modo che gli area manager possano accedere negli ambulatori, e precedentemente hanno deciso di respingere gli accordi sindacali, e ora cominciano con la cassa integrazione”.

La scorsa settimana, il giudice ha dato ragione a tre dei licenziati, aprendo la porta a una possibile reintegrazione. Il dispositivo della giustizia, che è stato promosso da una gestione dell’unione sindacale, obbliga l’azienda in “misura precauzionale, ed entro cinque giorni dalla notifica, il reintegro degli attori Villagra Raul Gonzalez Pablo e Giambelluca Jorge nei loro posti di lavoro fino al momento della sentenza definitiva nel presente procedimento, è prevista una pena per la mancata applicazione”.

Elea-Phoenix ha presentato nel maggio il piano di prevenzione delle crisi per quest’anno al fine di tagliare 120 informatori, e ha offerto loro il 50 per cento del loro compenso. Dalla unione sindacale tuttavia assicurano che i tre dipendenti non sono tornati al loro posto di lavoro per le vacanze e per i giorni non lavorativi. Essi sperano presto di ricongiungersi ai nove lavoratori licenziati nell’azienda farmaceutica.

“L’AAPM continuerà con il suo piano per combattere finché non si fermano i licenziamenti e i tentativi di contrastare i nostri diritti lavorativi e salariali. Continueremo a denunciare gli atteggiamenti antisindacali delle aziende che cercano di eliminare il sindacato di categoria e lasciare centinaia di famiglie in strada, togliendo i diritti e quindi massimizzare i loro profitti eccezionali”, ha affermato il sindacato in una nota.

( … continua su Gestión Sindical)

Related posts