Balduzzi: decreto modificabile, risorse da revisione spesa

Balduzzi: decreto modificabile, risorse da revisione spesa

Sul Decretone Sanità ci sarà il parere della conferenza Stato-Regioni e saranno possibili modifiche. Per quanto riguarda le risorse, poi, l’intervento si completerà con la spending review perché dalla ristrutturazione degli ospedali si libereranno risorse. A dirlo il ministro della Salute, Renato Balduzzi, che spiega: «Porre il problema delle risorse a monte in questo momento è dare alibi a chi non vuole fare nulla. Il medico di medicina generale 7 giorni su 7 è un’esigenza avvertita da molti anni dagli italiani, ma non definiamolo una rivoluzione, perché questi principi già si avevano in parte nella normativa e in parte nelle Convenzioni nazionali. Ora auspichiamo che sia la volta buona per generalizzare questi principi su tutto il territorio nazionale. E ci aspettiamo che le risorse liberate dalla spending review siano molte e che si possano riversare sul territorio». «Non appena possibile» è il commento di Luca Coletto, coordinatore della Commissione salute degli assessori regionali alla sanità «con il testo approvato dal Consiglio dei ministri faremo una riunione e proporremo le nostre modifiche». E sull’ipotesi che le Regioni possano mettere mano al testo non è contrario Giacomo Milillo, segretario nazionale Fimmg:  «Siamo favorevoli a una collaborazione tra Ministero e Regioni e noi stessi siamo disponibili a dare il nostro contributo. Poi valuteremo il risultato. Abbiamo denunciato i comportamenti sbagliati delle regioni nei giorni scorsi. Certo, se per assurdo, magari si intervenisse sul tetto di spesa individuale del medico o sul rapporto di dipendenza, allora le nostre reazioni sarebbero immediate e valuteremmo l’ipotesi di uno sciopero».

11 settembre 2012 – DoctorNews

Ricciardi: medicina del territorio, ultimi in Europa

Siamo ultimi in Europa e anche con un bel distacco. Il grido di allarme è stato lanciato da Walter Ricciardi, della European public health association, e si riferisce alle organizzazioni complesse h 24 della medicina del territorio contenute nel Decreto Balduzzi. «In Gran Bretagna per esempio ormai da molti anni i general practitioner sono organizzati in gruppi che hanno un loro budget, che utilizzano per pagare il personale e acquistare materiale per allestire piccole sale operatorie o altro». Certo si tratta di esperienze che richiedono risorse: «Non si tratta solo di essere coinquilini» continua Ricciardi. «I medici devono avere a disposizione delle risorse per gli strumenti e per il personale, altrimenti non riusciranno ad alleggerire i compiti del Pronto Soccorso, che è uno degli obiettivi della riforma». Sull’assenza di risorse è d’accordo anche Claudio Cricelli, presidente Simg, intervenuto nel dibattito: «In paesi come Portogallo, Spagna, Svezia e Norvegia, dove i medici dipendono dallo Stato, c’è comunque una forma di aggregazione. Dove invece possiamo essere innovativi è nella collaborazione con i medici specialisti, che è molto meno diffusa, e nel fatto che le aggregazioni da noi garantiscono che un medico di famiglia sia sempre disponibile, anche quando gli altri sono fuori magari per delle visite. Ma il nuovo sist

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!