News

Catania, per Guardia di Finanza esenzione ticket. Ecco la nota dell’Asp che fa discutere

La nota Asp è la n. 43604. Firmata un anno fa dall’allora commissario regionale Gaetano Sirna, prevede in virtù di un decreto assessoriale (n. 139/13, linea progettuale 12.7. “Prevenzione specialisti convenzionati”) l’erogazione di alcune prestazioni a titolo gratuito per il personale della Guardia di Finanza. In tempi di spending review e di sacrifici per i cittadini utenti, l’atto suscita malumori, come si vocifera in ambienti medici.

Sembra, ma non vi è alcuna certezza, che anche gli altri corpi delle forze dell’ordine, in passato, abbiano avanzato analoga richiesta alla Regione per accedere al programma di prevenzione, senza però ottenere alcun via libera alle prestazioni previste dal programma recepito dall’Asp Catania e che sarebbe tuttora in vigore.

Nel documento dell’Azienda sanitaria inviato al comando provinciale della Guardia di Finanza di Catania si legge testualmente: «Si fa riferimento alla nota di questa direzione prot. n. 37478 del 28-03-2013 con la quale, in ottemperanza alla disposizioni di cui al D. A. 2684/11 sono state fornite le indicazioni per avvalersi delle attività sanitarie della prevenzione, per informare codesto Comando che il D. A. n. 139/13 e successiva nota assessoriale prot. /serv. 1/n. 85816/13 hanno previsto, nell’ambito delle linee di prevenzione, l’erogabilità da parte delle strutture ambulatoriali accreditate di alcune prestazioni a titolo gratuito a favore degli agenti della Gdf ed i loro familiari conviventi, intesi questi ultimi quali componenti del nucleo familiare».

Provinciale-Catania.JPG«Pertanto – continua la nota – si precisa che per poter usufruire di dette prestazioni, gli agenti di Gdf e i loro familiari conviventi devono presentare alla struttura ambulatoriale accreditata la ricetta del servizio sanitario regionale prescritta dal medico di famiglia che riporti l’indicazione del codice di esenzione ticket «D01», la patologia o il sospetto diagnostico e la dicitura “esente D. A. 139/13».
Infine il documento conclude precisando che «a ciascuna struttura ambulatoriale, sulla base delle risorse assegnate dall’assessorato, è stato attribuito un tetto di spesa per l’erogazione delle prestazioni di prevenzione che ricomprende anche quelle da erogare a favore di altre categorie di soggetti, come individuate nell’all. 1 della nota prot. /serv. 1/n. 85816/13».

L’esenzione riguarderebbe esami ematoclinici ed esami di imaging di primo e secondo livello: dalla radiografia all’ecografia, Tac e Risonanza. Insomma dalla diagnostica di base agli esami più complessi.

di Giuseppe Bonaccorsi – Apr 13, 2015 – LA SICILIA

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button