News

Curiosità scientifica. Le persone con gli occhiali hanno il 30% di probabilità di essere più intelligenti

Ci può essere qualche verità dietro lo stereotipo secolare

SABRINA BARR – Independent 31/05/2018

L’idea che un individuo che porta gli occhiali sia automaticamente percepito come intelligente è un luogo comune che è spesso radicato nella cultura popolare.

Tuttavia, secondo un recente studio, ci può effettivamente essere una correlazione positiva tra vista scarsa e livelli superiori di intelligenza.

I ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno effettuato un ampio studio al fine di esplorare come i tratti ereditari di un individuo possano influenzare la loro funzione cognitiva.

Il team ha analizzato i dati di 300,486 individui di età compresa tra 16 e 102 anni che erano stati raccolti da UK Biobank e dal consorzio Charge and Cogent.

Sono stati in grado di identificare 148 loci genetici indipendenti che sono stati associati con la capacità cognitiva e di valutare se i vari attributi, come la vista, la pressione alta e l’aspettativa di vita, influenzano l’intelligenza.

I partecipanti che indossavano occhiali avevano circa il 30 per cento in più di probabilità di essere intelligente, riferisce lo studio riportato sulla rivista Nature Communications .

Inoltre, una maggiore funzione cognitiva è stata anche collegata a diversi attributi della salute come la longevità, una diminuzione del rischio di cancro al polmone e una migliore salute cardiovascolare e mentale.

Dr Gail Davies, statistico di genetica presso l’Università di Edimburgo e leader delle analisi, ritiene che la ricerca della sua squadra potrebbe rivelarsi ancora più determinante in futuro.

“Questo studio, il più grande studio genetico delle funzioni cognitive, ha identificato molte differenze genetiche che contribuiscono alla ereditabilità delle capacità di pensiero”, ha detto il dottor Davies.

“La scoperta di effetti genetici sulla salute e sulla struttura del cervello fornisce una base per esplorare i meccanismi con cui queste differenze influenzano la capacità di pensare per tutta la vita.”

La ricerca sulla connessione tra la genetica e l’intelligenza ha fatto molta strada negli ultimi anni, come ha spiegato il capo ricercatore professor Ian Deary. 

“Meno di un decennio fa, eravamo alla ricerca di geni correlati alla “intelligence” con circa 3.000 partecipanti, e abbiamo trovato quasi nulla”, ha detto.

“Ora, con 100 volte quel numero di partecipanti, e con più di 200 scienziati che lavorano insieme, abbiamo scoperto quasi 150 regioni genetiche che sono legate al modo in cui le persone sono intelligenti.”

Il professor Deary ha dichiarato che la squadra ha bisogno di analizzare i risultati in modo più dettagliato al fine di ottenere una comprensione più completa di come la funzione cognitiva declina in età avanzata

Notizie correlate: Study of 300,486 individuals identifies 148 independent genetic loci influencing general cognitive function

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button