In Cina si indaga per uno scandalo su un produttore di vaccini per il mercato interno

In Cina si indaga per uno scandalo su un produttore di vaccini per il mercato interno

Uno dei maggiori produttori di vaccini nel paese è sospettato di aver modificato i dati sulla produzione e il controllo di qualità. Il caso è l’ultimo di una serie di irregolarità nell’industria farmaceutica cinese.

Por Deutsche Welle- 23/07/2018

La polizia cinese ha aperto un’inchiesta sulla società farmaceutica Changsheng Biotechnology Co., uno dei maggiori produttori di vaccini del paese. L’azienda è sospettata di aver falsificato sia i registri sulla produzione di dosi di vaccino antirabbico sia i controlli di qualità.

Il presidente e altri quattro alti dirigenti della compagnia sono gli obiettivi dell’indagine. Secondo la Food and Drug Administration cinese, oltre a falsificare i documenti, la farmaceutica ha manomesso i parametri del processo di produzione e le attrezzature.

Anche se non ci sono segnalazioni di persone danneggiate dai vaccini contraffatti, l’agenzia ha ordinato la sospensione della produzione di vaccini per uso umano da parte della società dopo aver trovato campioni rimanenti congelati. In Cina, il vaccino contro la rabbia viene somministrato ai bambini dai tre mesi in poi.

Oltre ai problemi con il vaccino contro la rabbia, da circa due settimane a Changsheng Biotecnologie è stato notificato dalle autorità nella provincia di Jilin delle irregolarità per quanto riguarda l’efficacia di un tipo di vaccino trivalente contro la difterite, il tetano e la pertosse. La società ha ricevuto una multa di circa $ 282.000.

Changsheng Biotechnology si è scusata lunedì per le irregolarità e ha dichiarato che la sospensione della produzione di vaccini da parte delle autorità avrebbe un impatto significativo sulle sue finanze.

Dopo essere emerso lo scorso venerdì, il caso ha suscitato scalpore nei social network. Un hashtag relativo allo scandalo era tra i principali argomenti del paese, nonostante i rapporti di censura. Le autorità sapevano da mesi che c’erano delle irregolarità nella compagnia.

Il primo ministro cinese Li Keqiang ha chiesto un’indagine immediata sul caso di domenica e ha sottolineato che la popolazione aveva bisogno di informazioni chiare. “Terremo risolutamente la repressione sugli atti illeciti e criminali che mettono in pericolo la sicurezza della vita delle persone”, ha aggiunto.

Durante un viaggio ufficiale in Africa, il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito le parole del primo ministro e ha chiesto un’indagine completa e una severa punizione per i responsabili. “La produzione illegale di vaccini da parte della Biotecnologia di Changsheng è deprecabile e scioccante”, ha affermato.

Il caso è l’ultimo di una serie di scandali che hanno colpito l’industria farmaceutica cinese. Nel 2016, le autorità hanno annunciato di aver smantellato una rete che illegalmente produceva i vaccini dal 2011. Le dosi non sono stati trasportat in condizioni adeguate e potrebbero, oltre a non funzionare, anche causare la morte commercializzato.

Un episodio più grave si è verificato nel 2008, quando almeno sei bambini sono morti e 300.000 sono stati colpiti dalla contaminazione del latte in polvere con la melamina.

La scorsa settimana, i regolatori europei hanno anche scoperto che un farmaco per il cuore e la pressione del sangue [n.d.r.: valsartan] prodotto dal produttore cinese di farmaci Zhejiang Huahai e venduto in Europa può contenere un’impurità cancerogena. La sostanza sarebbe presente nel medicinale dal 2012.

Bloomberg: Changsheng Bio-Technology Co., Ltd. esporta i suoi prodotti nel Sud-Est asiatico, in Medio Oriente, in Africa, in India, in Russia, in Egitto e in America centrale e meridionale. La società è stata fondata nel 1992 e ha sede a Changchun, in Cina. Changsheng Bio-Technology Co., Ltd. è una consociata di Changchun High & New Technology Industry (Group) Inc.


Cina, pochi controlli e corruzione alla base degli scandali dei vaccini

Sta facendo sempre più clamore lo scandalo che ha travolto la sanità cinese e le case farmaceutiche. Gli esperti del settore puntano il dito contro la corruzione all’interno del sistema sanitario e la mancanza di controlli. Il presidente Xi Jinping chiede pene certe e severe per i responsabili. Da otto anni si susseguono incidenti mortali legati al settore.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Scarso controllo e corruzione: secondo le autorità competenti è questo il motivo dei continui scandali che stanno travolgendo la sanità cinese.

La National Institutes for Food and Drug Control è l’agenzia che attesta la qualità delle medicine e dei prodotti alimentari. Un ex dipendente afferma che l’ente non ha abbastanza personale: “Siamo l’unico istituto in Cina in grado di testare la qualità e l’efficacia dei vaccini. Gli istituti a livello provinciale non possono farlo. La Cina produce oltre un miliardo di vaccini ogni anno. Non si riesce a testare ogni lotto prima di metterli sul mercato”. Solo il 5% dei campioni viene verificato, e anche su questa percentuale non vengono esaminati tutti i parametri.

La Changsheng Biotech, al centro dello scandalo di questi giorni, è la seconda produttrice nazionale di vaccini. L’ispezione a sorpresa dei giorni scorsi ha rivelato che l’azienda forniva dati falsati sulla produzione e sui test dei vaccini anti-rabbia e contro difterite, pertosse, e tetano (Dpt).

Il primo ministro Li Keqiang  e il presidente Xi Jinping hanno chiesto un’inchiesta immediata sui vaccini difettosi, affermando che le case farmaceutiche hanno attraversato una “linea morale”.

Nel frattempo la presidente della società, Gao Junfang, e quattro alti dirigenti sono stati fermati dalla polizia per essere interrogati. La Changsheng Biotech ha perso quasi la metà del suo valore azionario da quando la Drug Administration ha scoperto la falsificazione dei dati. L’azienda, con sede a Changchun, Jilin, è stata il secondo più grande fornitore cinese di vaccini contro la rabbia e la varicella lo scorso anno. L’azienda rifornisce i centri di approvvigionamento governativi, che a loro volta distribuiscono i vaccini al pubblico. In Cina, i vaccini obbligatori come il Dpt vengono somministrati ai bambini nell’ambito di un programma sanitario sponsorizzato dallo Stato presso ospedali e centri di controllo delle malattie.

Lo scandalo colpisce però anche i funzionari statali che dovrebbero fare operazioni di controllo. Le sentenze dei tribunali cinesi mostrano che i dipendenti governativi accettavano tangenti da centinaia di migliaia di yuan per approvare un vaccino. Alcuni funzionari del Centers for Disease Control (Cdc) hanno preso tangenti anche per introdurre vaccini. Uno di questi, che è stato identificato come “Xia” ha diretto il programma di vaccinazione nel distretto di Yuhua a Shijiazhuang, nella provincia dell’Hebei. In quell’occasione egli ha accettato 100mila yuan in tangenti da un’azienda che non era certificata per vendere vaccini.

Negli ultimi otto anni gli scandali legati alle vaccinazioni si sono susseguiti quasi senza soluzione di continuità. Nel marzo 2010, nella provincia dello Shanxi, circa cento bambini morirono e altri ebbero disabilità permanenti in seguito alle vaccinazioni. Nel dicembre 2013 nel Sichuan 17 bambini morirono in seguito a un vaccino per l’epatite B. Le autorità negarono il collegamento tra le morti e le vaccinazioni. Ad agosto 2014 nel Liaoning furono trovati lotti interi di vaccino anti-rabbia contaminati con sostanze velenose. Due anni dopo, nello Shandong, una azienda farmaceutica distribuì vaccini per il valore di 260 milioni di yuan in tutta la nazione senza però rispettare le corrette procedure di refrigerazione.

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!