Integratori, verso una normativa sui claims

Integratori, verso una normativa sui claims

Case produttrici di alimenti salutistici e importanti esperti del settore si sono di recente riuniti per discutere la regolamentazione in merito agli health claims. L’evento organizzato da FederSalus e Università Cattolica del S. Cuore ha rappresentato l’occasione per sottolineare come, nonostante il positivo andamento del mercato degli integratori alimentari, continuano a esistere problematiche legate agli aspetti regolatori del mercato. Per ottenere maggiore chiarezza nelle valutazioni occorrono dialogo fra industria e autorità di controllo, armonizzazione delle procedure e linee guida più dettagliate. Questo, in sintesi, quanto emerso dall’incontro apertosi con un approfondimento dei lavori dell’Efsa (Agenzia europea della sicurezza alimentare) che il 1° ottobre 2009 ha pubblicato la prima serie di opinioni scientifiche sugli health claims. Lo schema di valutazione dell’Agenzia si basa su tre punti: caratterizzazione dell’alimento o dell’ingrediente; rilevanza del claim richiesto nei confronti della salute umana; validazione scientifica del claim. "Il quadro normativo in materia di claims è in rapida evoluzione. La sua applicabilità "orizzontale" riguarda anche prodotti disciplinati da norme specifiche, quali integratori, dietetici, alimenti addizionati di vitamine e minerali, novel food" ha spiegato Bruno Scarpa della Direzione Generale Sicurezza Alimenti e Nutrizione del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

Nutrizione33 – 7 novembre 2009 – Anno 4, Numero 18

Related posts