Archivio Storico

LA MANOVRA IN PUNTI

I ticket per la diagnostica finanziati per metà. Il 50%, per il 2009, lo coprirà il Governo – che ha stanziato 400 milioni di euro – gli altri 434 necessari dovranno uscire dalle casse delle Regioni
 Sarà ridotta la retribuzione dei dirigenti delle ASL: i tagli del 20% agli stipendi dei manager contribuiranno a coprire, sul versante delle Regioni, l’eliminazione dei ticket. Più attenzione alle esenzioni per reddito con maggiori controlli, rigorosamente incrociati: se l’autodichiarazione dovesse risultare falsa, scatta il recupero delle somme non versate alle ASL.  Sono alcuni dei punti contenuti nel decreto legge che compone la manovra economica triennale 2009-2011, approvato ieri dall’Aula della Camera dei deputati con 305 sì e 265 no. Nel testo si prevede una stretta sui privati convenzionati: le ASL non pagheranno più a piè di lista, ma potranno decidere di introdurre autorizzazioni preventive in alcuni casi. Sale, inoltre, il tetto dei controlli su cartelle cliniche e schede di dimissione, che passano dal 2% al 10%. A contenere la spesa sanitaria sarà, in particolare, una serie di misure di razionalizzazione e riduzione di posti letto e interventi sugli organici a partire dal 2010. Le Regioni che non riusciranno a rispettare i target dovranno prevedere forme di compartecipazione per i cittadini non esenti. Approvato, inoltre, un ordine del giorno che impegna il Governo ad adottare "ogni iniziativa utile a risolvere" la questione dei medici e dei veterinari precari del ministero della Salute, circa 200 persone tra camici bianchi, veterinari, chimici e farmacisti. Nonché un altro ordine del giorno che investe la questione dei periodi di riposo tra due turni consecutivi, impegnando l’Esecutivo a stabilire, in sede di rinnovo del contratto nazionale di lavoro, i periodi di riposo adeguati anche per il personale delle aree dirigenziali degli Enti e delle aziende sanitarie. Dopo il via libera della Camera, il provvedimento passa ora al Senato per la conversione in legge prima della pausa estiva.

Fonte "Farmacista33"

A.S.

Articoli correlati

Back to top button