Le false crisi del farmaceutico e lo scandalo Sigma Tau

Le false crisi del farmaceutico e lo scandalo Sigma Tau

Cari colleghi, oggi con un certo stupore prima, poi con un’aria di chi ha già tanto visto tanto e troppo nel settore, ho appreso una notizia bomba che riguarda il farmaceutico.

Il Fatto Quotidiano, giornale assai conosciuto per le sue inchieste sempre estremamente interessanti , pubblica nella giornata di oggi (n.d.r. il 19 febbraio 2012) una notizia che rimbalza subito da un angolo all’altro del nostro settore.

Ricordate i dipendenti della Sigma Tau che hanno fermato il pullman della Roma calcio facendo scendere Francesco Totti? La ricerca di visibilità alla vertenza, dopo che l’azienda ha aperto la procedura di cassa integrazione per 569 dipendenti, era il frutto della rabbia e della disperazione di chi ha sempre contestato che i conti fossero in rosso e che l’azienda non potesse rilanciarsi seriamente. A confortare quella radiografia provvede ora il “Processo verbale di constatazione” che l’Agenzia delle Entrate ha redatto nella sede della società farmaceutica, la seconda per importanza in Italia, il 30 luglio 2010 e che sarà oggetto stasera dalla trasmissione Presadiretta di Riccardo Iacona in onda alle 21,30 su Rai 3.”

Un documento poderoso, 117 pagine, e nel quale gli ispettori del fisco contestano alla Sigma Tau una procedura di evasione fiscale non solo particolarmente sofisticata, per quanto comunemente diffusa, ma tale da pregiudicare i bilanci del gruppo e giustificare, così, la cassa integrazione.

La procedura sospetta si chiama “Transfer pricing” e consiste in un trasferimento illecito di valore da una società del gruppo a una consorella estera che pagherà le tasse al posto della prima. Ma se la consorella estera è collocata in un paradiso fiscale il guadagno è notevole.

Facendo un confronto con società comparabili si scopre, ad esempio, che mentre il livello medio di profittabilità dell’attività in questione è del 6,6 per cento, la Sigma Tau nel 2007 subisce una perdita del 16, 1 per cento.

Facendo i raffronti con società analoghe e comparabili gli ispettori hanno quantificato in 11,55 milioni di euro i minori ricavi che la Sigma Tau ha contabilizzato in Italia evadendoli al fisco.

Ora senza voler continuare, mi pare evidente, come già tante volte detto, che in realtà in Italia il settore farmaceutico non è in crisi e che quelle crisi che sono state dic

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!