News

Medici in sciopero, adesione al 75%

Medici in sciopero, adesione al 75%E’ del 75% l’adesione allo sciopero dei medici, proclamato per oggi 16 dicembre da tutti i sindacati di categoria che rappresentano 200 mila camici bianchi. La protesta contro i tagli alla sanità e per la difesa del Servizio sanitario nazionale, oltre che per la salvaguardia della dignità dei professionisti, si svolge su tutto il territorio nazionale e i vertici delle diverse associazioni sono riuniti in sit-in di fronte all’ospedale San Camillo di Roma.

Nei giorni scorsi sono state stimate in circa 2 milioni le prestazioni sanitarie a rischio per la protesta, e sono almeno 40 mila gli interventi chirurgici saltati. A fare i conti il presidente dell’Aaroi, il sindacato degli anestesisti, Alessandro Vergallo. “Le operazioni rinviate sono solo quelli programmati, mentre restano garantiti tutti gli interventi urgenti”, precisano gli specialisti. “Il nostro settore è particolarmente sensibile alle ragioni dello sciopero – sottolinea Vergallo – Abbiamo avuto una adesione altissima, dell’80%, di tutti i medici che non potevano essere precettati”.

“I nostri pazienti che oggi troveranno chiusi 3 studi su 4 non se la prenderanno, crediamo, con noi perché li abbiamo preparati a questa giornata di protesta”. Lo affermano al sit-in Giacomo Milillo, segretario nazionale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), e Giampietro Chiamenti, presidente Fimp (Federazione italiana medici pediatri). “Abbiamo sensibilizzato i nostri assistiti – puntualizzano i due leader sindacali – sul fatto che non scioperiamo contro di loro, ma al loro fianco, con l’obiettivo di non svuotare il Servizio sanitario nazionale e perché siamo convinti che è necessario evitare che i pazienti siano curati in maniera diversa a seconda della regione in cui vivono”.

16 dicembre 2015 – adnkronos

Notizia correlata: Lorenzin: ” Nel 2016 seimila assunzioni di medici e infermieri”

M5S: sulle assunzioni del personale medico «Governo indegno»

Stabilità, Lorenzin: risparmi per 329 mln e seimila nuove assunzioni

_________________________________________________________

ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI – FVM – FASSID (AIPAC-SIMET-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI – UIL FPL MEDICI – FIMMG – SUMAI – SMI – INTESA SINDACALE (CISL MEDICI-FP CGIL MEDICI-SIMET-SUMAI) – FESPA – FIMP – CIPE – ANDI – ASSOMED SIVEMP – SBV

Comunicato – 16 dicembre 2015

L20151216_ManifestoScioperoGenericoo sciopero effettuato oggi ha una valenza politica straordinaria, nel senso letterale di fuori dalla norma. Una indecente superficialità o un malcelato interesse della politica tutta verso il servizio sanitario nazionale, che stanno portando al disfacimento il più importante baluardo di tutela della salute e delle fragilità di tutti i citta-dini, hanno spinto tutti i medici italiani prima a manifestare, oggi a scioperare uniti e compatti, raccogliendo l’invito dei tanti italiani senza voce, lavoratori e contribuenti onesti che finanziano un welfare che altri stanno saccheggiando da troppo tempo.

La partecipata adesione dei medici dipendenti, dei dirigenti sanitari e dei veterinari, al netto dei contingenti minimi obbligati a rimanere in servizio per garantire le urgenze, e dei medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, specialisti ambulatoriali con punte del 75%, ed i numerosi messaggi di solidarietà dei cittadini, testimoniano che è ben compresa la posta in gioco. Vale a dire contrastare una condanna a morte annuncia-ta che sta travolgendo insieme i diritti dei cittadini, che vedono sottrarsi prestazioni giorno dopo giorno o tra-sferirle a carico dei loro redditi, e quelle dei medici, e degli altri professionisti, del loro ruolo, della loro dignità e dei loro valori professionali, marginalizzati in una logica di abbandono.

L’insufficienza di risorse economiche, al di là dei giochi verbali, rende già difficile mantenere gli ottimi risultati conseguiti, che già manifestano le prime crepe con la riduzione degli anni di buona salute nella fascia di età over 65, con l’aumento della spesa privata che ormai lega il diritto alla salute al censo, con l’eccezionale in-cremento di mortalità osservato nei primi 7 mesi del 2015. Mentre nello stesso tempo cresce il numero di chi non accede alle cure per difficoltà economiche. E peggiorano, anche per l’ impoverimento numerico del per-sonale ed il blocco da 7 anni di contratti e convenzioni, le condizioni di lavoro di chi è chiamato a tutelare la salute dei cittadini.

Colpisce il distacco, fino all’indifferenza della politica e del governo, un disimpegno che traduce le promesse in annunci con una incapacità di reggere la complessità della questione sanità.

La sanità pubblica rappresenta un grande patrimonio civile, sociale e professionale nel quale si inverano i valori etici e deontologici dei suoi professionisti, che oggi assumono su di sé l’onere di riqualificarla propo-nendosi come parte della soluzione, senza farsi schiacciare al ruolo di problema che le tecnocrazie vorreb-bero imporre. A partire da oggi, ma senza fermarsi fino a quando non sarà infranto il tetto di cristallo che blocca la sanità nella agenda del governo.

La protesta dei medici davanti all'ospedale San Camillo di Roma

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button