Ospedali svizzeri: carenza di medicinali e problemi di qualità

Ospedali svizzeri: carenza di medicinali e problemi di qualità

BERNA – Gli ospedali svizzeri sono sempre più confrontati con una carenza di medicinali, in particolare quelli per la lotta contro il cancro. Aggiunto a questo, si riscontrano problemi di qualità, con materie prime provenienti da India e Cina.

A causa dei margini sempre più ristretti, il ramo farmaceutico deve "piegarsi all’economia di mercato e le imprese producono il minimo necessario", ha spiegato oggi all’ats André Pannatier, responsabile del Servizio di farmacia del Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) di Losanna, commentando informazioni apparse sulla "Sonntagszeitung" e sul "Matin Dimanche". Conseguenza: i prodotti si esauriscono, evento "raro in passato ma che diventa sempre più frequente".

Si tratta di un problema in crescita dal 2011. Il CHUV aveva terminato lo stock di Cisplatino, una agente chemioterapico molto utilizzato. Come altri grandi ospedali svizzeri, ha dovuto rifornirsi in Germania aspettando la prossima fornitura. "Il problema riguarda una quindicina di medicinali", secondo Pannatier. I grandi ospedali sono i più colpiti, perché è dove si concentrano i farmaci antitumorali.

Un problema grave – Agli Ospedali universitari di Ginevra (HUG), attualmente sono una cinquantina i medicamenti in attesa di consegna. "È un problema grave che ci occupa qualche ora ogni giorno", ha indicato Laurence Cingria, responsabile qualità della farmacia ospedaliera.

Differenti preparati sono colpiti dalla penuria, compresi vaccini che "mancano regolarmente". In certi casi, l’ospedale si vede obbligato ad acquistare l’originale, anche se costa più del generico. O, in alternativa, a rifornirsi in Germania, paese che offre numerosi farmaci generici.

"Ogni prodotto pone problemi differenti", ha spiegato Cingria. Alcune volte, i medicamenti sono rimpiazzati da un preparato differente, magari meno specifico.

In un comunicato odierno pubblicato sul sito internet di Swissmedic, Sandoz Pharmaceuticals ha confermato la carenza di alcuni medicinali utilizzati per la chemioterapia. Le due principali ragioni sono il rapido aumento della domanda e la ristrutturazione in corso in una fabbrica di Unterach (Austria).

Le misure prese nell’impianto di produzione permetteranno di soddisfare sul lungo termine la domanda, ha spiegato la casa farmaceutica, dicendosi cosciente dell’importanza dei medicinali in questione.

Problemi di qualità – Un altro problema riguarda la qualità. Il 75% dei casi di autorizzazioni sospese o ritirate per difetti di qualità riguardano India o Cina, secondo Pannetier. "Le fabbriche cinesi sono cinque volte meno controllate rispetto ai siti europei", ha precisato. Inoltre, "questi due paesi producono fra il 70% e l’80% dei principi attivi generici", ha spiegato.

Pannetier non è molto ottimista per il futuro: "serve una presa di coscienza da parte delle autorità politiche" in modo da fare pressione sui paesi produttori. La conseguenza sarebbe un probabile aumento dei prezzi. "Se si aumentano le esigenze, aumentano anche i costi", ha concluso lo specialista

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!