News

Per salvare i suoi stabilimenti francesi, Servier diversifica in subappalto

Il personale dell’azienda è stato “adeguato” in alcuni paesi europei. La struttura delle squadre di promozione – informatori scientifici – dovrà essere riconsiderata. 

Di  Gaëlle Fleitour – Pubblicato 22 gennaio 2015 – l’usine nouvelle

Nonostante il crollo delle sue vendite in Francia ed i risultati scadenti del 2014, il laboratorio Servier sta cercando di preservare l’occupazione in Francia. Con la riorganizzazione e con l’impegnarsi in outsourcing.

Orfani di recente dai laboratori farmaceutici francesi Pierre Fabre, in Servier sono costretti a cambiare. Dopo il piano sociale storico annunciato nel mese di dicembre dal gruppo cosmetico e farmaceutico Pierre Fabre, Servier ha presentato i risultati 2014 in rosso. Le sue vendite sono cadute del 4,8% a 4 miliardi di euro. Il laboratorio prevede soprattutto l’impatto negativo degli effetti valutari, che gli ha fatto perdere 180.000.000 di €, che rappresentano il 90% delle vendite internazionali dei suoi farmaci di marca.

L’utile netto è stato di un quarto, a 77 milioni di euro, diminuiti anche da una multa di € 331.000.000 imposto a luglio dalla Commissione europea per aver ostacolato l’arrivo dei generici del suo farmaco perindopril.  Servier produce anche il suo generico sotto i marchi Biogaran in Francia e Egis in Europa orientale: che hanno rappresentato un quarto delle sue vendite dello scorso anno.

WORKFORCE GIÀ “AGGIUSTATA” IN EUROPA

Nel complesso, la Russia ha già superato il fatturato della Francia (285 milioni di euro nel 2014), “che ha diminuito drasticamente negli ultimi cinque anni, avendolo quasi dimezzato”, ammette Pierre Andriot, direttore dei conti del gruppo. La Cina è destinata a raddoppiare presto con la Hexagon a sua volta . La colpa sul caso Mediator e la politica dei prezzi dei farmaci condotta dal governo, ha anche un plumbeo effetto sull’esportazione “Quando in Francia abbiamo un ritocco di un euro sulle scatole, c’è un effetto automatico in meno di un euro sulle scatole a livello internazionale, a causa di un sistema di prezzi di riferimento”, afferma Olivier Laureau, presidente della Servier.

Il gruppo può fare a meno della ristrutturazione? “La politica dell’azienda è quello di cercare di trovare il modo di evitare di prendere decisioni demotivanti, riferisce il suo leader. Ancora oggi, l’azienda era in grado di fare ‘economia [con un piano sociale] “. Ma per quanto tempo? L’anno scorso, il personale dell’azienda è stato “adeguato” in alcuni paesi europei. La struttura delle squadre di promozione – informatori scientifici – dovrà essere riconsiderata. E il gruppo lancerà nei prossimi anni, i nuovi farmaci derivati ​​dalla vita – biologici e biosimilari – che non è in grado di produrre nella sua industria chimica e farmaceutica mancando le tecnologie adeguate.

FABBRICHE FRANCESI E R & S RIORGANIZZATE

Servier vuole “difendere la nostra massima occupazione” nei siti francesi. “Non ho intenzione di trasferire la produzione” tra gli undici stabilimenti del gruppo a livello mondiale, dichiara Olivier Laureau.“Per ora, questi siti marciano a pieno regime”. In compenso, il gruppo ha lanciato una profonda riorganizzazione in Francia. A Gidy, nel Loiret, dove si produce il 37% dei farmaci venduti da Servier a livello internazionale, il progetto Safran si propone di acquisire una maggiore flessibilità nelle squadre e il cambiamento delle dimensioni per rispondere molto più rapidamente ai cambiamenti della domanda globale.

L’impianto chimico di Bolbeck (875 dipendenti), in Normandia, che porta il 90% dei principi attivi di Servier Group, si aprirà alla produzione per conto di altri laboratori europei. La R & S, che comprende 3.000 ricercatori, di cui tre quarti in Francia, non è dimenticato, la una nuova organizzazione è progettata per misurare il valore scientifico ed economico dei progetti a monte. La cosa permette a Olivier Laureau di aspettarsi una crescita dal 2,7% al 3% del fatturato nel 2015, a tassi di cambio costanti. Ma “l’impatto del tasso di cambio è abbastanza imprevedibile,” avverte.

Gaëlle Fleitour

Notizia correlata: MOBILITÀ IN SERVIER E STRODER

EFPIA protesta per la multa della CE a Servier e critica un regime di brevetti “inefficiente”

Antitrust ue: ammenda per 427,7 mln a Servier e 5 produttori per cartello

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button