Sigma Tau, il giorno dopo la denuncia in RAI.

Sigma Tau, il giorno dopo la denuncia in RAI.

SIGMA TAU, IL GIORNO DOPO LA DENUNCIA

Se ci si aspettava qualcosa di concreto già da questa mattina, le aspettative sono andate deluse. I lavoratori della Sigma Tau – dopo che Riccardo Iacona, conduttore Rai di “Presadiretta” ha dedicato loro più di un’ora di trasmissione, intitolandola “Recessione”- speravano che già oggi potesse girare qualche voce positiva sulla loro vicenda, ma nessuna novità è arrivata. La redazione del programma Rai, attraverso le interviste fatte da Francesca Barzini,Vincenzo Guerrizio, Raffaella Pusceddu e Rebeca Samonà, ha prospettato lo scenario che i dipendenti dell’azienda farmaceutica denunciano ormai da tre mesi, ovvero che la crisi annunciata dalla proprietà non sia reale, ma legata a giri di transfer pricing. A supporto di questa ipotesi il “Processo verbale di constatazione”, redatto dall’Agenzia delle Entrate addirittura nel luglio 2010, che parla di un trasferimento di valore da una società del gruppo ad un’altra con sede all’estero, magari dove la pressione fiscale è molto più leggera rispetto all’Italia. E la Sigma Tau avrebbe trasferito questo valore ad una consociata portoghese, la Defiante, una società che si occupa prevalentemente di acquistare licenze e brevetti per poi rivenderli, con sede nell’isola di Madeira.
Ma le determinazioni dei prezzi di trasferimento erano conformi alla normativa in materia di transfer pricing stabilite dalla legge? Questa la domanda che si sono posti gli ispettori dell’Agenzia delle Entrate, i quali hanno poi verbalizzato nel “Processo verbale di constatazione” che “la Sigma Tau avrebbe erroneamente quantificato (…) i componenti di reddito derivante dalle transazioni intercorse con diverse società appartenenti al medesimo Gruppo”. Gli ispettori hanno inoltre quantificato in 11,55 milioni di euro i minori ricavi che la Sigma Tau ha contabilizzato in Italia, ovvero con la seria possibilità che siano stati evasi al fisco. Insomma, Sigma Tau risulta avere minori ricavi, con un patrimonio che diminuisce da 123 a 34 milioni di euro mentre, contemporaneamente, Defiante aumenta il suo, di patrimonio netto, che passa da 31 a 310 milioni di euro. Con il “piccolo” particolare che a Madeira le tasse sono bassissime, con aliquote, peraltro recenti, al massimo del 3 %,mentre l’Iva è del 13 % contro il 21% dell’Italia. Dopo che questi dati sono stati resi pubblici da parte della Rai Iacona ha fatto un appello al Ministro Passera, che ben conosce la situazione della Sigma Tau, in qualità di banchiere a Banca Intesa, proprietaria del 5% di Sigma Tau Finanziaria SpA. “Ministro, prima di concedere la cassa integrazione – ha concluso l’inchiesta giornalistica Iacona – guardi bene le carte”. Un suggerimento che sicuramente non sarà piaciuto a tutti… Ed oggi arriva l’ennesimo comunicato delle RSU, che non hanno motivato alla stampa le dichiarazioni che riportiamo integralmente, per dar modo ad ognuno di farsi un’idea di quello che sta succedendo.

Intendiamo, con questo comunicato, rimarcare alcuni semplici concetti – esordiscono le RSU Sigma Tau – Lo stato di agitazione e gli scioperi che ormai da oltre un mese siamo stati costretti a dichiarare altro non sono che la conseguenza di decisioni pres

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!