News

Tassa sui cani non sterilizzati?

Peserebbe, irragionevolmente, sulle significative spese che i proprietari di animali già affrontano per cure e farmaci veterinari

caneStop al randagismo attraverso una tassa sui cani non sterilizzati? Questa la proposta che viene da un emendamento alla legge di Stabilità che prevede di istituire una tassa comunale sui cani che non vengono sterilizzati. La proposta ha dato vita a un’immediata polemica, come del resto era prevedibile: contrari i veterinari e l’Ente nazionale protezione animali. Facile infatti intuire che un nuovo balzello graverebbe sulla spalle di chi è in regola con il microchip e le vaccinazioni del proprio amico domestico e non su quanti non hanno remore nell’abbandonarlo.

Cosa sta succedendo? Un emendamento alla Legge di Stabilità, proposto dal deputato Pd Michele Anzaldi [nella foto a destra], prevede che chi non sterilizza il proprio cane paghi una tassa. Anzaldi ha spiegato in un post su Facebook il senso della sua proposta, che vorrebbe combattere il randagismo. Scrive Anzaldi: “Il randagismo rappresenta un problema sentito dal punto di vista etico ed è anche una questione di carattere economico. In alcune città, in particolare al Sud, diventa una vera e propria emergenza.
ANZALDI 2Partiamo dai numeri: in Italia, nei canili, dovrebbero esserci circa 750mila cani che aspettano e sperano di essere adottati. Una cifra impressionante, che diventa drammatica se si pensa che per molti animali quelle gabbie diventeranno un insopportabile ergastolo”. Si passa poi a valutare i costi dei canili. “Secondo le stime, un cane in canile costa al comune da 3 a 8 euro al giorno, cioè 1000-3000 euro all’anno, ma evidentemente questa è la retta che i comuni pagano esclusi altri costi come personale, gestione ecc. che devono per forza afferire ad altri capitoli di spesa – prosegue Anzaldi – Non vengono considerati, inoltre, i bandi straordinari, come le spese del SSN per anagrafe, sterilizzazioni, profilassi, farmaci, visite, test e cure di malattie, antiparassitari. Non sono riportati interventi straordinari come le operazioni anti-randagismo a Pompei e in altre aree del Paese. Una proiezione più aderente alla realtà dei costi potenziali del randagismo, ottenuta considerando tutte le variabili, è di 7000€ per ciascun cane, che moltiplicato per 750.000 cani randagi porta a un totale di 5,25 miliardi all’anno”. Per il deputato dunque l’emendamento, dichiarato ammissibile dalla Commissione Bilancio della Camera, “serve ad incentivare la sterilizzazione, attraverso un contributo comunale richiesto a tutti coloro che preferiscono non sterilizzare il proprio cane. Se si procede con la sterilizzazione, certificata dai medici veterinari abilitati ad accedere all’anagrafe regionale degli animali d’affezione, non si sarà tenuti a pagare il contributo, di carattere comunale e modulato con la previsione di esenzioni, riduzioni, detrazioni in favore di determinate categorie di soggetti”.

Da notare che la proposta non è piaciuta alle senatrici del Pd, per le quali la via per combattere il randagismo non è affatto una tassazione degli animali domestici. “Abbiamo chiesto che venga ritirato l’emendamento che introduce una tassa comunale annuale per i proprietari di cani non sterilizzati, presentato alla Camera alla Legge di Bilancio 2017 – ha reso noto la senatrice Silvana Amati, Responsabile Pd Tutela e Salute Animali, che ha inviato la lettera al primo firmatario dell’emendamento Michele Anzaldi, al Presidente del Gruppo Pd della Camera Ettore Rosato, e al Presidente della Commissione Bilancio Francesco Boccia, sottoscritta dalle senatrici Pd Monica Cirinnà, Manuela Granaiola e Daniela Valentini – Riteniamo, infatti, che la proposta, come formulata, non sia adeguata a contrastare il drammatico e crudele fenomeno del randagismo. Pesa, invece, irragionevolmente, sulle significative spese che i proprietari di animali già affrontano per cure e farmaci veterinari“. Proseguono le senatrici: “L’emendamento esclude, tra l’altro, alcune categorie particolarmente a rischio, come i cani che custodiscono greggi e edifici rurali. Siamo fermamente convinte che le campagne di sterilizzazione siano essenziali per combattere il randagismo. Riteniamo, però, che non sia l’introduzione di una tassa a determinarne l’efficacia. Dovrebbero essere previste, piuttosto, convenzioni o meccanismi premiali per Risultati immagini per enpa canivisite veterinarie e sterilizzazioni di cani di famiglia, cani senza padrone e vaganti. Misure di questo tipo comporterebbero una significativa riduzione delle spese per gli enti locali nel medio e lungo periodo e neutralizzerebbero il crudele business dei canili lager”.

Le voci critiche però non si fermano qui. Contrario è l’Ente Nazionale Protezione Animali (Enpa) che attraverso la presidente nazionale Carla Rocchi fa sapere: “La proposta di istituire una tassa sui cani non sterilizzati denota una sconcertante misconoscenza delle cause alla base del randagismo. Una misconoscenza dietro la quale, a nostro avviso, si cela l’ennesimo tentativo di fare un favore ai soliti noti, cacciatori e allevatori. L’autore di tale proposta ignora, o fa finta di ignorare, che laddove esiste un problema di sovrappopolazione canina, esso è causato non tanto dai proprietari di cani che vivono nei centri abitati, ma proprio da quegli allevatori, agricoltori e pastori che non sterilizzano i propri animali e li lasciano vagare liberamente sul territorio. Vale a dire proprio da chi si vorrebbe esentare dall’obbligo di sterilizzazione”. Non solo. Prosegue Rocchi: “Attenzione  perché la tassa sui cani, in quanto strumento punitivo, potrebbe aggravare e non risolvere il problema; potrebbe cioè di incentivare gli abbandoni. Il randagismo, invece, si batte con misure premiali e agevolazioni: lo dimostra l’esperienza di chi questa piaga è riuscito a debellarla”.

E contrari sono anche i veterinari dell’Anmvi (Associazione nazionale medici veterinari italiani) che  “ribadisce la propria contrarietà ad ogni approccio punitivo nei confronti dei già tartassati proprietari di cani. Sterilizzare il cane per scampare una tassa- dicono i veterinari – non è un buon principio di possesso responsabile né di rispetto del benessere animale, dato che non tutti i soggetti presentano una anamnesi favorevole all’intervento chirurgico. Tecnicamente poi, – spiegano i veterinari – la proposta è inattuabile in quanto le anagrafi regionali canine – difformi fra loro e non di rado inefficaci – non riportano il dato dell’avvenuta sterilizzazione, un dato che secondo il parlamentare sarebbe alla base del presupposto impositivo o di esenzione. Inoltre i Comuni non accedono ai data base, anche per croniche inadempienze amministrative che rendono ancora più iniquo e aleatorio il criterio impositivo sui contribuenti”.

@sabrybergamini – help consumatori

Notizie correlate: ENPA. Animali. Tassa sui cani: proposta fatta da incompetenti per agevolare i “soliti noti”

Tassa sui cani, ANMVI: vecchia proposta iniqua da ribocciare

“Il randagismo si combatte applicando le leggi. Che ci sono”

Farmaci generici vietati ai veterinari, in Parlamento una proposta di legge “animal friendly”

Animali domestici e medicine, l’allarme dei veterinari: “I prezzi sono troppo alti”

Rai, Grillo: “Anzaldi come Goebbels”.

Chi è, chi non è, chi si crede di essere Michele Anzaldi, il bulldog renziano

Risultati immagini per incompetente

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button