News

Bloomberg. Gli italiani sono il popolo più sano del mondo, nonostante la crisi economica.

Quando si tratta di vivere una vita lunga, l’Italia è al posto giusto

.Lo stivale, circondato da cinque mari, è classificato il paese più sano sulla Terra nel Bloomberg Global Health Index su 163 paesi. Un bambino nato in Italia può aspettarsi di vivere per ottanta anni. Ma 2.800 miglia a sud, in Sierra Leone, il neonato morirà in media a 52 anni.

Mentre l’Italia è tra i paesi più sviluppati, la crescita è rimasta ferma da decenni, quasi il 40 per cento dei suoi ragazzi sono fuori dal mondo del lavoro ed è gravata da uno dei più elevati debiti del mondo rispetto alle dimensioni della propria economia. Eppure gli italiani sono in forma più degli americani, canadesi e inglesi, i quali soffrono tutti di una più alta pressione sanguigna e colesterolo e hanno una salute mentale più cattiva.

L’Italia ha anche “un eccesso di medici”, ha detto Tom Kenyon, medico e amministratore delegato della organizzazione di soccorso globale Progetto Speranza. Un esempio significativo è una trasmissione televisiva più vista e di lunga durata dal titolo ” Un medico in famiglia “.

Poi c’è la dieta, ricca di verdure e condita con olio extravergine di oliva. Adam Drewnowski, direttore del Centro per la Salute Pubblica E Nutrizione presso l’Università di Washington, ha scritto dell’importanza per i consumatori di aver accesso a prodotti freschi, frutta, carni magre e pesce.

L’indice di ogni paese è stato valutato in base a variabili quali l’aspettativa di vita, le cause di rischi di decesso e di salute che vanno da un’alta pressione sanguigna, dall’uso di tabacco, dalla malnutrizione e dalla disponibilità di acqua pulita.

Islanda, Svizzera, Singapore e Australia completano i primi cinque paesi più sani nell’indice.

Il mondo sviluppato non è priva di rischi tra loro l’obesità. Gli Stati Uniti hanno sono al No. 34 della classifica con un grado di salute di 73.05 su 100. La classifica è dovuta alla prevalenza di persone in sovrappeso che è 67,3 – ribaltando la scala collocandosi come una delle nazioni più grasse del mondo.

Gli stati più poveri – Louisiana, Mississippi, Alabama e West Virginia – sono i più grassi, con oltre il 35 per cento della loro popolazione considerata obesa, secondo US Centers for Disease Control.

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco