News

Cani in corsia. Dove i farmaci non arrivano

Pet therapyLa pet therapy, ovvero il processo di guarigione accelerato dalla presenza di un animale, è una pratica ormai nota. Meno frequente però è la presenza di animali domestici direttamente in ospedale. Negli Usa, dove ci sono meno restrizioni in tal senso, si sta sperimentando con enorme successo la presenza di cani al pronto soccorso. Al Sacred Heart Hospital, a Eau Claire, nel Wisconsin questa speciale “cura” funziona già benissimo.

Lo spiega Debbie Hulett, infermiera presso quell’ospedale: “La presenza di un cane al pronto soccorso è un toccasana sia per il corpo, che per la mente dei pazienti. Appena l’animale entra nelle camere, i malati iniziano a sorridere”. Anche i medici confermano: “I cani sono capaci di fare cose fantastiche, dove i farmaci non arrivano. 

Senza contare che anche noi medici beneficiamo tutti i giorni del loro splendido aiuto”. Il direttore del reparto d’emergenza Terri Binfet spiega come funziona la presenza dei migliori amici dell’uomo in corsia: “La loro assistenza è un regalo fantastico, e ha l’obiettivo di far sentire meglio le persone. Ma ci sono regolamenti molto severi a riguardo. I malati interagiscono con i quattro zampe solo se si sentono a proprio agio. E non hanno paura o fastidio nello stare con loro”. 

Insomma tutto avviene senza forzature, ma come fanno sapere dall’ospedale sono ben pochi quelli che rifiutano la presenza dei cani al loro fianco.

martedì, 10 novembre 2015 – direttanews

Pet Assisted Therapy

Volunteers visit PeaceHealth facilities with their certified Pet Therapy Dogs. Dog and handler must be certified and recommended by either Pet Partners or Therapy Dogs, Inc. Acceptance and orientation as a PeaceHealth volunteer are also required. For information about how to become involved, email Debbie Grant or call (541) 222-2202.

 

 

 

 

 

 

Notizia correlata: “La chiusura del laboratorio minaccia la vita di centinaia di animali”

Assalto a Green Hill, dodici condanne. Per i giudici quei beagle furono rubati

 

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button