News

Codice etico Efpia, la sfida fra trasparenza e privacy nel settore healthcare

Il Codice etico Efpia/Farmindustria che dovrebbe svelare i conflitti di interesse tra medici, strutture sanitarie e produttori rischia di incagliarsi sul diniego opposto dai professionisti di rivelare i compensi extra. Un seminario di AboutPharma per orientarsi tra le norme

di Redazione Aboutpharma Online – 28 maggio 2015 – ABOUTPHARMA

Fatta la legge, trovato l’inganno. L’adozione da parte di Farmindustria Codice etico stilato a gennaio 2014 dall’European federation of pharmaceutical industries and associations (Efpia) in materia di trasparenza dei cosiddetti “trasferimenti di valore” ai professionisti (Healthcare professional, Hcp) e alle strutture sanitarie (Healthcare organization, Hco), si sta già scontrando con il diniego opposto dai medici a veder pubblicati sui siti aziendali i dati dei propri compensi extra, percepiti ad esempio per studi, ricerche e comunicazioni scientifiche.

Nei fatti, le norme sulla privacy, almeno in Italia, sono più forti di quelle deontologiche che in assenza di legge e su base volontaria, si sono date le associazioni industriali. Ne consegue soprattutto che la possibilità per il cittadino di appurare la sussistenza di conflitti di interesse tra chi propone un farmaco e chi lo produce rischia di restare solo sulla carta. Quello della trasparenza dei trasferimenti di valore è appunto il tema di un seminario organizzato da AboutPharma and Medical Devices il 2 luglio prossimo a Milano, in collaborazione con lo Studio legale associato a Baker & Mckenzie. Titolo: “Efpia – Hcp/Hco Disclosure code2014. La nuova sfida in materia di trasparenza nel comparto healthcare”.

La corsa contro il tempo è già cominciata. La raccolta dei dati è ufficialmente iniziata il 1 gennaio 2015 e le prime informazioni – secondo quanto previsto all’articolo 5 del Codice di Farmindustria – dovranno essere rese pubbliche a gennaio 2016. La sfida è quella di contribuire a rendere trasparente il settore e mitigare le pesanti asimmetrie informative che oggi sussistono tra chi produce, prescrive, utilizza e paga il farmaco.

Il seminario è  rivolto soprattutto agli Affari legali e regolatori aziendali, alle Direzioni Marketing & Sales, alle direzioni mediche, ai responsabili degli uffici congressi ed eventi e Afc di aziende farmaceutiche. Durante i lavori si procede a un confronto tra esperti, istituzioni e industria, che approfondirà nel dettaglio il nuovo codice e i suoi criteri di applicabilità. I principali argomenti trattati sono: obblighi di trasparenza nei rapporti con gli operatori sanitari; la privacy (rischi, possibili conseguenze e modelli da adottare); la gestione dei rapporti con Hcp e Hco; la gestione dei trasferimenti di valore cross border; l’impatto sui processi aziendali; la formazione dei dipendenti; le modalità di pubblicazione dei dati e gli impatti sui sistemi informativi.

IL PROGRAMMA DEL SEMINARIO

Notizia correlata: Corruzione. Al via l’Osservatorio 190: Federsanità e Ispe unite contro il fenomeno

Le industrie farmaceutiche europee a congresso: “Siamo il traino per rilancio economia europea”

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco