Primo Piano

Dal 1 ottobre non è più obbligatorio indossare mascherine ffp2. Rimane però l’obbligo negli ospedali

Il Governo ha deciso di prolungare di un mese l’uso delle mascherine per lavoratori, utenti e visitatori degli ospedali, delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e Rsa.

Dal 1o ottobre non è più obbligatorio indossare mascherine ffp2 su autobus, metropolitane, treni e pullman. Rimane l’obbligo in ospedali, RSA e strutture socio sanitarie.

Terminano anche i protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro, la cui scadenza è fissata al 31 ottobre. Protocolli che tra le altre cose prevedono in alcuni casi la misurazione della temperatura all’ingresso e l’uso delle mascherine al chiuso in assenza del distanziamento.

Resta in vigore fino a fine anno quella che prevede che fino al 31 dicembre il Green pass resti ancora obbligatorio per operatori sanitari, ricoverati e visitatori negli ospedali e nelle Rsa (le residenze per anziani): questa misura può comportare la necessità di fare il tampone prima di entrare in una struttura sanitaria.

Fino alla fine della anno (31 dicembre) infatti sarà ancora obbligatoria avere con sé il Green Pass per entrare negli ospedali e nelle residenze per gli anziani. Se si è saltata una dose di vaccino e non si ha avuto il Covid, il certificato verde potrebbe scadere e quindi in alcuni casi sarà necessario fare il tampone prima di entrare in una struttura sanitaria.

Ultim’ora: Il Governo ha deciso di prolungare l’uso delle mascherine (l’obbligo sarebbe scaduto domani) per lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e Rsa. 

Nelle strutture sanitarie ci sono molte persone fragili e per questo il ministro Roberto Speranza ha deciso di prorogare di 30 giorni l’obbligo di usare le mascherine per chi entra in ospedali, ambulatori e Rsa. La proroga è di un mese perché sarà poi il prossimo governo a decidere cosa fare di questa misura anti contagio.

La questione dell’obbligo della mascherina Ffp2 negli ospedali, ambulatori e Rsa, è quella più delicata e se dovesse esserci una recrudescenza più marcata della curva epidemiologica potrebbero esserci ulteriori proroghe.


Comunicato n. 23 – Ministero della Salute

Data del comunicato 28 aprile 2022

Mascherine: Speranza firma ordinanza in conformità con voto Parlamento

Dopo l’approvazione da parte della commissione competente della Camera dei Deputati del decreto “fine stato di emergenza” il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che recepisce il testo dell’emendamento sull’utilizzo delle mascherine al chiuso, come approvato dalla commissione.

Data di pubblicazione: 28 aprile 2022, ultimo aggiornamento 28 aprile 2022

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco