«Democrazia sindacale per tutti»

«Democrazia sindacale per tutti»

La nostra provincia prima. Ma solo per le aziende che vendono fuori dall’italia. Gino Sabatini: «L’internazionalizzazione delle imprese è ormai una strada obbligata»

di Vittorio Bellagamba

Ascoli, 12 giugno 2013 -POSITIVO L’ANDAMENTO delle esportazioni delle aziende della provincia di Ascoli nel primo trimestre del 2013.

Anzi tocca proprio al sistema delle imprese del Piceno a far registrare il picco più alto delle esportazioni. Con un eloquente +60,3% è proprio Ascoli a indicare il maggior incremento delle vendite all’estero seguita nella graduatoria delle province da Latina (+39,6%) e Firenze (+17,9%). Ma se il contrasto al rallentamento delle esportazioni è particolarmente rilevante nel Piceno, tra le province con il più elevato contributo alla diminuzione dell’export nazionale, si segnalano: Siracusa, Taranto, Arezzo, Roma, Caltanissetta, Cagliari e Napoli. La tendenza rilevata nel Piceno si inserisce, quindi, in una quadro a tinte decisamente fosche delle vendite all’estero delle aziende italiane.

Infatti, secondo la rilevazione diffusa ieri dall’Istat dal titolo: «Le esportazioni delle regioni italiane» emerge che nel primo trimestre 2013, rispetto al trimestre precedente, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in diminuzione dello 0,7%, come sintesi del calo delle vendite per le regioni dell’Italia. Le regioni che contribuiscono maggiormente alla flessione dell’export nel primo trimestre 2013 sono Puglia (-16,1%), Sicilia (-9,9%), Friuli-Venezia Giulia (-6,8%), Lombardia (-0,6%) e Sardegna (-9,1%). Tra le regioni in espansione si segnalano come particolarmente dinamiche: Marche (+13,2%), provincia di Bolzano (+3,8%), Liguria (+2,5%) e Lazio (+2,4%). Nelle Marche, come del resto anche nell’ascolano, a spingere in alto le esportazioni sono state le vendite di articoli farmaceutici e chimico-medicinali. «L’internazionalizzazione delle imprese è ormai una strada obbligata – ha detto Gino Sabatini presidente di Piceno Promozione azienda speciale della Camera di Commercio di Ascoli – e il nostro sforzo è proprio quello di agevolare la penetrazione nei mercati esteri soprattutto per le piccole e piccolissime aziende che caratterizzano il nostro sistema economico». Abbiamo chiesto al presidente di Confindustria Ascoli Bruno Bucciarelli di spiegarci l’incremento delle esportazioni in particolar modo

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!