News

È legale contattare un numero di telefono trovato online? Il caso di un ISF

L’utilizzo del dato personale deve essere conforme alle finalità per le quali lo stesso è stato reso pubblico.

È legale contattare un numero di telefono trovato online?

20 Luglio 2021 – La Legge per Tutti

Diritto alla privacy: il numero di telefono, cellulare o fisso, è un dato personale ma la sua pubblicazione rende legittimo l’utilizzo. 

È legale contattare un numero di telefono trovato online? La domanda ci viene proposta da un lettore e risulta abbastanza interessante, specie in un’epoca come la nostra i cui i dati personali sono spesso reperibili su internet e sono alla mercé di tutti. 

In particolare ci viene chiesto se possa rappresentare un rischio il fatto di contattare telefonicamente o tramite messaggio – anche su WhatsApp – un numero privato trovato pubblicamente online tramite un sito o un curriculum, reperibile da tutti. Il lettore ci tiene a precisare che il messaggio non è offensivo, non contiene insulti, minacce, né telemarketing o pubblicità. 

Partiamo da una precisazione: secondo la giurisprudenza, il numero di telefono costituisce un dato personale. Questo significa che è protetto dalla privacy: non può essere comunicato, diffuso, ceduto o trattato (ossia archiviato) senza il consenso del diretto interessato. Se quest’ultimo ha quindi deciso di rendere riservata la propria utenza, chi ne sia a conoscenza non può diffonderla a terzi. 

Leggi sul punto Il numero di telefono è coperto da privacy?

Esistono però numerosi casi in cui è lo stesso interessato a rendere pubblico il proprio numero di telefono, dimostrando così di non volerlo coprire da privacy. In tale circostanza, il fatto di poter essere contattati è una conseguenza abbastanza scontata e peraltro prevedibile. Resta tuttavia necessario rispettare la finalità per cui l’intestatario del numero ha voluto rendere pubblico il proprio dato personale: la ragione del contatto deve cioè essere inerente ai motivi per le quali il numero è stato comunicato al pubblico.

Per comprendere meglio la questione, cerchiamo di fare qualche esempio. Il fatto di riportare il proprio numero di cellulare su un curriculum online non giustifica telefonate di natura commerciale o comunque non attinenti ad una offerta di impiego. L’aver acconsentito a rendere visibile, su un albo professionale, il proprio telefono non giustifica una telefonata per scopi differenti rispetto a quelli di carattere professionale (telefonate dei colleghi, dei clienti, ma non già di operatori di telemarketing). 

Insomma, l’utilizzo del dato personale deve essere conforme alle finalità per le quali lo stesso è stato reso pubblico.

Sempre per rimanere nel campo degli esempi, è possibile telefonare a una persona che abbia pubblicato il proprio numero su un elenco telefonico e ciò proprio perché questi, così facendo, ha mostrato di voler rendere a tutti noto il proprio contatto, per le più disparate ragioni e per un ampio ventaglio di ipotesi, senza particolari limiti o finalità. Ma non è possibile archiviare tale numero in una propria banca dati e, magari, fare profilazione per fini commerciali. 

Chi lascia il proprio numero di telefono in un commento su un forum medico, in relazione a una richiesta di chiarimenti per un problema alla salute di cui sia affetto, legittima telefonate solo in merito a tale circostanza e non invece per altre ragioni. Sarebbe quindi illegittima la telefonata fatta da un informatore scientifico che voglia mostrargli la bontà di un prodotto farmaceutico. Sarebbe invece lecita la telefonata di un altro utente dello stesso forum che voglia confrontarsi sull’approccio alla patologia o quella di un medico che voglia suggerirgli come guarire, eventualmente promuovendo così il proprio studio professionale.

Insomma, in linea di principio, chi pubblica il proprio numero di telefono non può lamentarsi poi se viene raggiunto da telefonate da parte di terzi, ferma restando comunque il diritto di chiedere al gestore del sito, in un momento successivo, la cancellazione del dato personale.

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button