News

EFPIA (Federazione delle industrie farmaceutiche europee). Rapporto 2022: settore in crescita

Secondo il Rapporto EFPIA 2022  il settore farmaceutico europeo ad oggi rappresenta il 23,4% del mercato mondiale, con 840 mila addetti e un fatturato di 287 miliari di euro. Gli investimenti in ricerca e sviluppo in Europa sono più che raddoppiati, rispetto al 2000, con l’occupazione in R&S ora stimata in 125 mila persone.

Il mercato farmaceutico mondiale (con prescrizione) valeva nel 2021 circa 1.062.707 milioni di euro (1.256.863 milioni di dollari) a prezzi franco fabbrica. Il mercato nordamericano (USA e Canada) è rimasto il mercato più grande del mondo con una quota del 49,1%, ben prima di Europa, Cina e Giappone

L’Italia è seconda in Europa per fatturato con 34.300 miliardi con 66.400 addetti. La percentuale di generici nel mercato farmaceutico interno è il 67,6% del totale (la più alta in Europa, stranamente ci dicevano che era la più bassa) a fronte di percentuali molto più basse in Germania (23%) e Francia (19,5%).

Buono l’export con una bilancio positivo per cinque miliardi mentre in ricerca e sviluppo si investe 1,6 miliardi, cifra inferiore alla Germania, Svizzera, Francia e Regno Unito.

Riportiamo il commento di Nathalie Moll, Direttore Generale della European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations (EFPIA)

EU pharma in numeri: il ritratto di un’industria a un bivio

Come parte del mio ruolo, ho la fortuna di incontrare ricercatori del settore che lavorano all’avanguardia della scienza. Vedo i siti di produzione in azione, trasformando l’entusiasmante scienza in milioni di dosi di terapie e vaccini innovativi. E lavoro con gli amministratori delegati che investono nella ricerca, sviluppo e produzione in Europa che forniranno la prossima generazione di vaccini e trattamenti e i loro fantastici colleghi nelle aziende. Tuttavia, è quando tutto ciò che vedo si unisce nella forma dell’industria farmaceutica in cifre (2022) che si ha un’idea di quanto sia fondamentale l’industria basata sulla ricerca per il futuro economico e sanitario dell’Europa.

Prendiamo il numero degli occupati nel nostro settore: tra tutti i dati racchiusi in questo report, questo è uno dei numeri che si traduce più facilmente in persone. Naturalmente, le 840.000 persone direttamente impiegate nel settore farmaceutico europeo non sono il quadro completo. C’è un effetto moltiplicatore significativo che include tutte quelle persone, aziende e partner che forniscono servizi all’industria su cui facciamo affidamento; dagli idraulici agli accademici, dalle CRO alle PMI, dai ristoratori alla logistica.

I paesi, le città e le regioni che ospitano aziende farmaceutiche spesso diventano centri che attraggono piccole società di scienze della vita e fornitori di servizi, costruendo un forte ecosistema. Per l’industria nel suo insieme, la spesa in R&S in Europa è più che raddoppiata rispetto all’anno 2000, con un’occupazione di R&S nel nostro settore stimata ora in 125.000 persone.

Ciò si adatta a una tendenza generale in cui il contributo del settore all’economia europea è fortemente aumentato sotto ogni punto di vista.

 Nei 21 anni dal 2000 al 2021 – in cui siamo passati attraverso la crisi finanziaria globale e una pandemia – le società EFPIA hanno più che raddoppiato la produzione, aumentato le esportazioni di un fattore sei e registrato una bilancia commerciale che lo porta lontano prima di altri settori high-tech in Europa.

Presi insieme, questi numeri dipingono il quadro di un’industria vitale per l’economia europea. E cioè, senza considerare i benefici economici e sanitari forniti dai prodotti stessi: terapie salvavita e migliorative.

Guardando al futuro

Tuttavia, il rapporto sull’industria farmaceutica in cifre è un’istantanea nel tempo. Ci dice dove siamo oggi ma non dice nulla sul futuro. Riflette il disclaimer standard allegato ai prodotti di investimento: “la performance passata non è garanzia di risultati futuri”. Infatti, guardando le tendenze dal 2000, può darsi che il ritmo di avanzamento dell’occupazione, della produzione e delle esportazioni inizi a rallentare in Europa rispetto ad altre regioni del mondo.

Le informazioni contenute nel rapporto 2022, insieme ai dati sulle tendenze degli ultimi anni e ai dati di confronto internazionale possono essere utilizzate per informare le discussioni urgenti che dobbiamo avere sul posto dell’Europa in un mondo competitivo e su come il settore farmaceutico può contribuire sia alla salute che alla ricchezza in un momento chiave per lo sviluppo delle politiche nel continente.

Dobbiamo avere una visione strategica a lungo termine di dove siamo come regione e dove stiamo andando. I leader aziendali e gli investitori nel campo delle scienze della vita, che possono investire in qualsiasi settore in qualsiasi paese o regione, devono avere fiducia nelle prospettive a lungo termine: nell’ecosistema dell’innovazione, nell’accesso al talento, nel mercato.

Tempo per pensare strategicamente, insieme

Nonostante il contributo chiaro e positivo dell’industria farmaceutica all’economia europea, ci troviamo di fronte a una serie di sfide. L’aumento dei costi e gli ostacoli normativi stanno rendendo la ricerca e lo sviluppo più difficile, mentre l’impatto delle misure di austerità fiscale introdotte in tutta Europa dal 2010 continuano a incidere sulle entrate odierne e a influenzare le decisioni chiave per portare l’innovazione sul mercato. Allo stesso tempo, abbiamo visto la crescita dei mercati brasiliano, cinese e indiano superare quella dei primi 5 mercati europei. I nostri concorrenti globali hanno dato la priorità alle scienze della vita e noi dobbiamo rispondere con ambizione simile.

È qui che entrano in gioco le strategie farmaceutiche e industriali dell’Europa. È fondamentale che l’Europa raccolga la sfida e sviluppi le politiche necessarie per garantire che il settore farmaceutico europeo sia un innovatore e un leader mondiale. Da parte nostra, l’EFPIA ha avanzato impegni e proposte concrete per migliorare l’accesso ai farmaci, ponendo l’Europa in prima linea nello sviluppo e nella fornitura di diagnostica, trattamenti e vaccini del futuro.

Vogliamo che l’Europa sia il luogo in cui avviene l’innovazione medica. Il luogo in cui avviene la produzione farmaceutica. E il luogo in cui vengono lanciati per primi i nuovi prodotti, in modo che le esigenze insoddisfatte dei pazienti europei vengano affrontate il più rapidamente possibile. Nel processo, possiamo lavorare per garantire che il nostro settore rimanga una delle principali fonti di lavoro, investimenti e commercio.

L’ultimo rapporto sull’industria farmaceutica in cifre ricorda i punti di forza e il potenziale offerti dal nostro settore e un tempestivo promemoria del motivo per cui dobbiamo lavorare insieme per proteggere e far crescere una delle migliori risorse dell’industria europea.

Mercato dei Generici

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button