News

Emma Walmsley nuovo CEO di GlaxoSmithKline

La City ha una nuova regina: a Emma Walmsley la guida di GlaxoSmithKlineSorpresa alla GlaxoSmithKline con la nomina di Emma Walmsley, una interna, ad amministratore delegato della casa farmaceutica. La nomina è stata estratta dal cappello.

Il gruppo farmaceutico britannico è stato seriamente a caccia di un nuovo leader da quando Andrew Witty ha annunciato il suo ritiro a marzo a causa del malcontento degli investitori per lo scarso rendimento delle azioni della società. Questo da quando hanno tratto vantaggio le analoghe farmaceutiche europee, grazie alla caduta della sterlina del post-Brexit. Il malcontento con la Glaxo persiste ancora. Alcuni investitori vogliono che il gruppo si divida.

Il malcontento era il motivo per la nomina di un leader di business internazionale da cercare al di fuori della società, idealmente con un curriculum impressionante con conoscenze nel settore riconosciute, qualcuno che non ha legami con la Glaxo e che potrebbe tuttavia incutere rispetto in azienda.

La Walmsley non può essere considerata una del tutto estranea – è entrata in azienda nel 2010 – ma almeno lei non è da sempre in Glaxo. Avendo occupato per diciassette anni posizioni internazionali a L’Oreal, può farla apparire più come un esterno che come interno. Ha fama di non essere una sentimentale, avendo sacrificato elementi della direzione quando ha attaccato contemporaneamente il “business consumer” di Glaxo e Novartis. L’istinto competitivo è evidente.

Gli investitori possono essere innervositi per le sue lodi a Jack Ma di Alibaba definito come un “coraggioso business leader, con un valido punto di vista”, senza un cenno alla governance molto controversa della sua attività di e-commerce. Ma la vera incertezza riguarda la mancanza di conoscenze nel settore nel pedigree della Walmsley.

Lei è una dirigente di marketing. E la sua nomina significa che la società del designato CEO e il suo presidente, Philip Hampton, che è uno studioso di letteratura, hanno trascorso la maggior parte della loro carriera al di fuori del settore farmaceutico e ora stanno installando una delle più grandi operazioni di ricerca e sviluppo al mondo.

E’ una grande scommessa puntare su un non-competente. Ma se si deve fare una scelta tra un premio Nobel e un grande (e colto) manager, il talento del management dovrebbe vincere. I principali  problemi che affrontano alla Glaxo in questo momento sono di natura generale e strategica: guidare la performance operativa, il taglio dei costi e rivedere la sua struttura complessiva.

Il compito immediato della Walmsley sarà di portare l’efficienza del ramo “consumer” alla prestazione del ramo farmaceutico. La produttività della ricerca deve migliorare se Glaxo vuole trovare il farmaco blockbuster di cui ha bisogno. In questo caso le competenze di ristrutturazione del consumer della Walmsley possono venire utili.

Per quanto riguarda il frazionamento, Walmsley ha bisogno di mantenere una mente aperta. Ciò comporterebbe la vendita o la scissione del business consumer. Tale mossa sembra difficile fino a quando non scadrà nel 2018 l’accordo di cooperazione con il partner Novartis. Le azioni Glaxo sono scambiate con un ricavo rispettabile di 16 volte la previsione, in linea con gli analoghi europei Novartis, Roche e AstraZeneca, e con un premio notevole per Sanofi e Bayer. Non c’è fretta.

Ma se le prestazioni della Glaxo non possono essere migliorate all’interno della struttura attuale, che consenta agli azionisti di possedere sia i consumer che i prodotti farmaceutici in scorte separate, ha una certa logica. Walmsley ha già fatto una considerazione nel dire che i marchi di consumo “molto amati” della Glaxo sono tra le sue attività principali. Non è necessario essere scienziati per capire che essi possono anche valere di più al di fuori del gruppo.

 – Bloomberg – Sep 20, 2016

Notizie correlate: Glaxo Names Consumer Head Emma Walmsley to Succeed Witty as CEO

Video

Big Pharma’s Latest Breakthrough: Choosing Its First Female CEO

Nota: Nata in Cumbria, nel nord-ovest dell’Inghilterra, Emma Walmsley è cresciuta nella contea del Kent, si è laureata a Oxford in lettere e lingue. Sposata, madre di quattro figli, con una passione per lo yoga, assumerà le sue funzioni in marzo, quando l’attuale Chief Executive Officer, sir Andrew Witter, si ritirerà dopo otto anni al comando della Gsk. Prima di entrare alla Gks nel 2010, Walmsley ha lavorato per 17 anni per L’Oreal, occupandosi prevalentemente di marketing, basata in Gran Bretagna, Europa, Cina e Stati Uniti. In Glaxo ha iniziato con la supervisione in Europa per la divisione sanitaria dei generi di consumo della società, produttrice del dentifricio Sensodyne e delle bevande Horlicks. Nel 2011, è stata promossa a capo del business consumer in tutto il mondo.

 

Andrew Philip Witty , 51 anni,  Chief Executive Officer, Executive Director, Member of Corporate Administration & Transactions Committee and Member of Finance Committee, GlaxoSmithKline plc, nel corso dell’anno fiscale 2015 ha percepito un compenso totale di 6.661.000 GBP (sterline) pari a € 7.758.044,81 al cambio odierno

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button