Archivio Storico

Fimmg, superficialita’ in Odg Camera per ricetta con 1 solo pezzo

Roma, 8 ago. (Adnkronos Salute)- "Superficialità e improvvisazione". La Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) usa queste parole per bocciare l’ordine del giorno approvato ieri alla Camera, che impegna il Governo ad attivarsi per prevedere la limitazione della prescrivibilità a un solo pezzo per ricetta. "Un provvedimento che – secondo la Fimmg – lungi dal poter determinare un risparmio nella spesa farmaceutica, comporterebbe maggiori costi per il Ssn e per i cittadini. Si pensi solo al fatto che ogni ricetta di carta filigranata costa allo Stato circa un euro e che i cittadini dovranno moltiplicare i costi sociali per l’accesso al farmaco. Ciò determina inoltre una riduzione dell’adesione alle terapie, soprattutto nei malati cronici"."Sono allibito dall’improvvisazione e dall’incompetenza che ha ispirato l’Ordine del giorno della Camera – dichiara Giacomo Milillo, segretario nazionale della Fimmg – sarebbe stato sufficiente approfondire nel merito l’esperienza del Lazio che si è dimostrata fallimentare, tanto da essere rapidamente ritirata". E Pier Luigi Bartoletti, segretario regionale della Fimmg Lazio rincara:"sarebbe bastato chiedere la documentazione degli atti di allora per vedere che tale limitazione della prescrizione fu frettolosamente ritirata tra le proteste dopo soli 30 giorni dall’entrata in vigore con la motivazione che tale provvedimento aveva prodotto disagi ai cittadini, ai medici ed ai farmacisti (delibera di giunta del 28/3/2002 n.389 in allegato). All’epoca definimmo il provvedimento la ‘rateizzazione’ della terapia, e l’allora Giunta Regionale riconobbe l’errore. Tutto ci saremmo aspettato fuorché rivederlo proposto a livello nazionale dopo 10 anni".

Articoli correlati

Back to top button