Generici. La produzione farmaceutica mondiale è per lo più in Cina e India ed è un problema per le autorità sanitarie occidentali

Generici. La produzione farmaceutica mondiale è per lo più in Cina e India ed è un problema per le autorità sanitarie occidentali

Il record storico di ritiri di farmaci in Spagna ha avuto luogo nel 2018. Il motivo? Più di un centinaio di farmaci per l’ipertensione con il valsartan come principio attivo sono stati contaminati con una sostanza potenzialmente cancerogena . Questi stessi farmaci sono state ritirati anche nel resto d’Europa e negli Stati Uniti, creando così uno dei più grandi allarmi globali nella storia recente della farmaceutica. Mesi dopo questo incidente con valsartan, si è scoperto che altri farmaci con i principi irbesartan e losartan contenevano anche loro le impurità potenzialmente cancerogene.

Anche se questi farmaci sono stati prodotti da più di 20 laboratori farmaceutici diversi avevano in comune un punto fondamentale: i principi attivi sono state prodotte da aziende farmaceutiche cinesi e indiani. Come riportato dalla Agenzia Europea dei Medicinali (EMA), i valsartan venduti in tutto il mondo potrebbe essere stato contaminato da queste impurità dal 2012. Questo significa che molti pazienti possono essere stati esposti a loro per sei anni. EMA ritiene che “un nuovo caso di cancro potrebbe apparire ogni 5.000 pazienti ” che avevano preso alte dosi di questi farmaci.

Attualmente, la Cina e l’India sono la dispensa farmaceutica nel mondo a causa dei suoi bassi costi e dell’alta capacità produttiva. Circa l’80% dei principi attivi utilizzati in Europa e dei farmaci negli Stati Uniti sono prodotti in questi paesi. In teoria, questi prodotti creati in Asia devono seguire una serie di controlli e misure di salvaguardia per essere importato negli Stati Uniti e in Europa. Un prerequisito è la valutazione e l’approvazione da parte della Direzione europea della qualità dei medicinali e sanità. E’ anche necessario un certificato dall’autorità sanitaria del paese di origine che mostra che la società rispetta le buone pratiche di produzione dei medicinali provenienti da paesi da cui si desidera importare. Inoltre sono condotti controlli e visite delle autorità occidentali che ispezionano le aziende farmaceutiche asiatiche.

La realtà, tuttavia, è che, nonostante i controlli di cui sopra, i farmaci prodotti in Cina e India sono un problema ricorrente per le autorità sanitarie negli Stati Uniti e in Europa. Ad esempio, nel 2017 l’EMA ha raccomandato la sospensione di più di 300 farmaci generici perché i loro studi di bioequivalenza “erano inaffidabili e non potevano essere accettati come base per l’approvazione di mercato nella UE”. Questi studi sono stati condotti da un’organizzazione di ricerca a contratto indiano (CRO) chiamato Micro Therapeutic Research Labs, che era incorsa in pratiche come la distorsione dei dati negli studi e nella carenzea di documentazione e gestione dei dati.  Nel 2018, carenze di critiche importanti nei controlli di qualità .

D’altra parte, negli ultimi anni, la Food and Drug Administration statunitense (FDA) ha notevolmente aumentato il numero di lettere di avvertimento (warning letters) che sono state inviate ad aziende di produzione attive in India e Cina. L’effetto di queste lettere è il blocco dell’approvazione commerciale per i suoi prodotti in America. Se nel 2012 ne sono state inviate solo due, nel 2017 il numero è salito a 39 a causa di violazioni delle Good Manufacturing Practices (GMP). Molte delle violazioni sono comuni a Cina e India, e spesso compromettono l’integrità dei dati. In realtà, la preoccupazione principale delle autorità sanitarie europee e statunitensi sulla produzione di farmaci in entrambi i paesi asiatici è la presunta veridicità delle informazioni fornite per dimostrare la sicurezza e l’efficacia.

A questo proposito, la farmaceutica Zhejiang Huahai, uno dei responsabili dell’antiipertensivo  con sostanze potenzialmente cancerogene, deliberatamente ha omesso le informazioni alle autorità sanitarie. Secondo quanto dichiara un ispettore FDA , ha nascosto i risultati dei test ufficiali di qualità che mostrano che le sostanze senza nome non hanno rispettato gli standard di qualità degli Stati Uniti dimostrando invece che è conforme. D’altra parte anche la farmaceutica indiana responsabile per la presenza di queste sostanze potenzialmente cancerogene nei loro prodotti, Hetero Labs, distrusse i documenti prima dell’arrivo previsto degli ispettori della FDA nel 2016 e non hanno registrano le informazioni che erano state distrutte. Nel 2017, la FDA ha inviato una lettera di avvertimento a questa fabbrica farmaceutica perché non vengono ispezionate le discrepanze tra i lotti e avevano commesso delle infrazioni nel lavaggio e nella disinfezione delle attrezzature.

Circa il 35% dei farmaci contraffatti che circolano in tutto il mondo vengono dall’India. Secondo un rapporto dell’OMS, pubblicato nel 2017, il 10% dei farmaci è venduto in paesi a basso o medio reddito, tra cui l’India, sono falsi o non soddisfano gli standard (ad esempio, perché il principio attivo è in una minore quantità) . Anche se i requisiti, controlli e le ispezioni delle autorità sanitarie occidentali cercano di garantire che i farmaci importati negli Stati Uniti e in Europa hanno tutte le garanzie di qualità, la cultura di “trasgredire le regole” in India è una sfida .

Forse la scena più dantesca che gli ispettori della FDA hanno dovuto affrontare sone le strutture farmaceutiche della Wockhardt che si trova a Bombay. Durante un’ispezione nel 2013 hanno scoperto che la fabbrica in pratica consisteva in un groviglio di edifici fatiscenti con le finestre rotte e scheggiate e coperta da un tetto di tubi arrugginiti. Hanno anche trovato macchie di urina sugli scarichi aperti, divise sporche e funghi cresce nella zona di stoccaggio della materia prima. E ‘solo una goccia sorprendente dal mare di centinaia di segnalazioni degli ispettori che hanno rilevato irregolarità nelle fabbriche farmaceutiche in India e Cina e decine di test manipolati e dei dati occultati.

La globalizzazione dei mercati ha comportato lo spostamento della produzione verso i paesi asiatici in cui i bassi costi consentono la generazione di profitti più elevati. L’industria farmaceutica ha seguito in massa questa tendenza. Tuttavia la maggiore redditività si è unita anche da un aumento del rischio di non rispettare le garanzie minime sanitarie richieste nei paesi occidentali.

Anche se le autorità sanitarie negli Stati Uniti e in Europa si impegnano per monitorare il rispetto delle norme, gli avvisi recenti mostrano che possono attenuare il problema ma non risolverlo. In effetti, è impossibile farlo quando l’EMA riconosce che effettua tra i 20 e i 40 ispezioni ogni anno nei produttori di principi attivi farmaceutici cinesi e nel 10% dei casi ci sono violazioni. Il problema? Ci sono centinaia di principi attivi farmaceutici cinesi che vengono esportati verso l’Europa. Purtroppo, il buon mercato può causare alti costi, soprattutto quando il prezzo da pagare è la salute dei pazienti.

El diario – 08/09/2019

AIFA. I medicinali equivalenti e biosimilari non sono e non saranno sottoposti a monitoraggio.

Nota: API active pharmaceutical ingredient, principi attivi

 

Related posts