NewsNews fedaiisf

I nostri lutti. Un triste Natale: ci ha lasciato Jean-Jacques Ngantcha, informatore scientifico in Umbria

La famiglia Ngantcha è stata segnata dalla tragedia.

Il Natale ha steso un velo di tristezza per la scomparsa di un collega ISF di Organon Italia, Jean-Jacques Ngantcha, proprio ieri a seguito di una patologia tumorale con un rapido decorso.

La famiglia Ngantcha è stata segnata dalla tragedia.

Nel 2019, mentre la moglie Maria Vicenta Sammartin viaggiava verso Arezzo per accompagnare il figlio Yannick (a destra nella foto) a giocare un torneo giovanile di tennis, arrivava il primo colpo, un incidente stradale gravissimo. Yannick ne esce con un polso e un braccio ingessati, Maria Vicenta Sammartin, spagnola, invece muore sul colpo.

Pochi giorni fa, la seconda mazzata: papà Jean-Jacques, farmacista, informatore scientifico, nato in Camerun, muore di un tumore ai polmoni dal decorso fulminante, lasciando orfano sia Yannick, promettente tennista, sia sua sorella Ayleen, di due anni più grande, tennista anche lei.

Maria Vicenta e  Jean-Jacques, entrambi appassionati di tennis, dopo essersi incontrati per caso avevano pensato di trasferirsi in Spagna e negli Usa, dove le prospettive professionali erano più allettanti, poi hanno scelto l’Italia. Jean-Jacques si è laureato in farmacia ad Urbino, il suo sogno era tornare in Africa per aprire una farmacia in Camerun, ma anche i successi sportivi dei figli avevano convinto lui e la moglie a rimandare il progetto.

I colleghi lo ricordano come una persona solare, amante della vita che ha affrontato con forza e sorriso tutte le dure traversie della vita.

Una felicità, quella della famiglia Ngantcha, distrutta dal caso. Da ricostruire, per quanto possibile, partendo da Yannick e Ayline, rimasti orfani. Ora forse si sposteranno in Spagna, dagli zii materni. Una vita da ricostruire forse partendo dal tennis, sicuramente nel nome di mamma Maria Vicenta e papà Jean-Jacques.

I funerali si svolgeranno domani alle ore 15 nella Chiesa dei Santi Andrea e Biagio in località Casa del Diavolo, in Strada Civitella Benazzone in provincia di Perugia

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button