News

Il Parlamento ha approvato la legge sulle malattie rare e sui farmaci orfani. Aifa però sospende l’accesso al Fondo per il rimborso dei farmaci orfani

Il Fondo è sostenuto con il contributo delle aziende farmaceutiche che corrisponde al 5% delle spese per attività di promozione

Il Parlamento ha appena approvato all’unanimità la legge sulle malattie rare con un forte riferimento ai farmaci orfani, sia per quanto riguarda la ricerca indispensabile ad individuarne di nuovi, sia per quanto riguarda la immediata disponibilità dei farmaci approvati dall’AIFA per i pazienti che ne hanno bisogno.

Aifa però sospende l’accesso al Fondo per il rimborso dei farmaci orfani perché il Fondo, sostenuto da un contributo delle aziende sulle spese promozionali, ha visto negli anni diminuire le risorse e non riesce più a soddisfare le richieste.

Per questo, sempre secondo AIFA, si rende necessario sospendere temporaneamente le attività correnti di valutazione delle richieste di accesso al Fondo e avviare un profondo ripensamento volto a ridefinire le regole e i criteri da utilizzare.

Il Fondo era stato introdotto nel 2003 ed è sostenuto con il 50% del contributo che le aziende farmaceutiche versano su base annuale all’Aifa. Si tratta di un contributo che corrisponde al 5% delle spese che le aziende farmaceutiche destinano ai medici per attività di promozione.

Ma sospendere questo fondo dedicato al rimborso di farmaci orfani per il trattamento di malattie rare, creerà indubbiamente ulteriori gravi disagi ai pazienti con malattia rara .

AIFA si è giustificata dicendo che le risorse di questo Fondo sono fortemente diminuite nel corso degli anni; il fondo dal 2010 ad oggi si è praticamente dimezzato, passando dai 20 milioni iniziali ai 10,5 milioni del 2021. In cambio è fortemente aumentato il livello delle richieste  di accesso al Fondo, che negli ultimi due anni hanno superato i 50 milioni di euro per anno. La richiesta di accesso al fondo è nominale e quest’anno oltre 2000 pazienti ne hanno fatto richiesta. AIFA quindi ha sospeso le richieste e ha detto di voler avviare una riflessione per ridefinire regole e i criteri da utilizzare.

Non c’è dubbio che per i pazienti si creeranno ulteriori difficoltà di accesso al farmaco, in un momento in cui speravano che le cose per loro potessero migliorare sensibilmente. Una doccia fredda a cui dal Parlamento risponderemo con una interrogazione urgente al Ministro, anche per ricordare che non di solo Covid ci si ammala e tutti i malati hanno diritto a ricevere le migliori cure disponibili. I Malati rari è da tempo che chiedono l’attenzione necessaria a non confondere rarità della malattia con abbandono del paziente. [Fonte Panorama Sanità]

Notizie correlate: Testo Unico Malattie Rare: tutti plaudono a ‘una legge giusta’ e guardano alla sua applicazione

Cosa prevede il Testo Unico Malattie Rare? Ecco la sintesi della Legge approvata

AIFA. Sospensione accesso al Fondo nazionale AIFA 5%

AIFA. Farmaci orfani

Nota: I farmaci orfani sono medicinali utilizzati per la diagnosi, la prevenzione e il trattamento delle malattie rare. In Europa una malattia è considerata rara quando colpisce non più di 5 persone ogni 10.000 abitanti. I farmaci orfani che beneficeranno dell’esclusione dalle procedure di ripiano (c.d. payback) saranno solo quelli autorizzati dall’EMA, escludendo i cosiddetti Orphan Like, i farmaci inseriti nel registro Orphanet e tutti i farmaci che erano autorizzati come Orfani dall’EMA ma che hanno esaurito il periodo di esclusività di mercato.


Gli elaborati riportati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni anche soggettive e non necessariamente condivise dalla redazione. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell’autore e/o di chi ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione utili per gli informatori scientifici e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l’argomento trattato, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d’interpretazione. Il materiale reperito in rete, ove non dichiarata già nel sito la dicitura di copyright e i diritti di utilizzo, è stato in buona fede ritenuto di pubblico dominio. Alcuni testi citati o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore vogliate comunicarlo via e-mail per provvedere alla conseguente rimozione o modificazione.

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button