JAMA Neurology: studio smentisce relazione tra vaccini e sclerosi multipla o malattie correlate

JAMA Neurology: studio smentisce relazione tra vaccini e sclerosi multipla o malattie correlate

I ricercatori non hanno trovato alcun collegamento tra qualsiasi vaccino – anche per l’epatite B e HPV – e un aumento del rischio di Sclerosi Multipla o malattie correlate per un massimo di tre anni dopo la vaccinazione.

AIFA – Pillole dal Mondo n. 679 – 29/12/2014

Dal momento che le vaccinazioni sono interventi di salute pubblica comuni, anche un piccolo aumento del rischio di insorgenza della sclerosi multipla (SM) di o altre sindromi demielinizzanti acquisite del sistema nervoso centrale (SNC ADS) potrebbe avere un effetto significativo sulla salute pubblica.

Per determinare se i vaccini, in particolare quelli per l’epatite B (HepB) e il papillomavirus umano (HPV), aumentano il rischio di SM o altri ADS SNC, un gruppo di studiosi americani ha condotto uno studio caso-controllo, pubblicato recentemente su JAMA Neurology.

Gli studiosi hanno utilizzato i dati ottenuti dalle cartelle cliniche elettroniche complete degli assistiti di un gruppo assicurativo della California del Sud, nel periodo compreso tra il 2008 e il 2011.

Il team guidato da Annette Langer-Gould ha analizzato i dati di 780 pazienti affetti da sclerosi multipla o patologie correlate e ha confrontato i loro record vaccinali con quelli di più di 3.800 pazienti sani.

A ciascun caso sono stati appaiati 5 casi “controllo”, per caratteristiche come sesso, età e area di residenza. L’identificazione del sotto-cluster che aveva effettuato la vaccinazione contro il virus HPV è stata possibile grazie ad una ulteriore ricerca in base ai parametri di età e sesso (“femmine” da 9 a 26 anni) che ha restituito 92 casi, a cui sono stati affiancati 459 soggetti per il controllo.

I ricercatori non hanno trovato alcun collegamento tra qualsiasi vaccino – anche per l’epatite B e HPV – e un aumento del rischio di Sclerosi Multipla o malattie correlate per un massimo di tre anni dopo la vaccinazione.

Non c’erano associazioni fra HepB vaccinazioni (odds ratio [OR], 1,12; 95% CI, 0,72-1,73), la vaccinazione HPV (OR, 1.05; 95% CI, 0,62-1,78), o qualsiasi vaccinazione (OR, 1.03; 95 % CI, 0,86-1,22) e il rischio di SNC ADS fino ai 3 anni  successivi.

Tra i pazienti di età inferiore ai 50, i ricercatori hanno riscontrato un aumento del rischio di insorgenza di sclerosi multipla e malattie correlate nei primi 30 giorni dopo la vaccinazione, ma tale associazione scompare dopo 30 giorni, hanno riferito i ricercatori. Ciò suggerisce che la vaccinazione con ogni probabilità potrebbe accelerare la comparsa dei sintomi in persone che sono già affette da sclerosi multipla o altre sindromi (SNC ADS) , ma nelle quali i sintomi non si sono ancora manifestati.

“I nostri dati” hanno scritto gli autori “non indicano alcun nesso di causalità tra i vaccini attuali e il rischio di SM o malattie correlate. Pertanto i risultati del nostro studio non autorizzano alcun cambiamento nelle politiche vaccinali.

Leggi lo studio originale

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!