News

Jobs Act, Poletti su controllo a distanza: “Mio iPhone? Chi me l’ha dato può controllarlo”. Rodotà: “Non è in gioco ‘solo’ la difesa della privacy, ma la libertà delle persone”

“La tecnologia è cambiata, gli iPhone sono arrivati e credo sia più saggio regolarne l’uso piuttosto che avere situazioni non regolate che portano davanti ad un giudice”. Così Giuliano Poletti, ministro del Lavoro, risponde sulla questione del controllo a distanza del lavoratore, tema che il governo ha da poco trattato nei decreti attuativi del Jobs Act, aggiungendo: “Le norme sulla privacy ci sono e non si toccano”.

A margine di un incontro a Firenze per le Giornate del lavoro della Cgil, il ministro ha poi detto: “Il mio iPhone se è pubblico è nella disponibilità del soggetto che me l’ha dato. A me quando l’hanno dato non mi hanno dato un’informativa. La norma dice che quando viene consegnato va informato il lavoratore rispetto a quella situazione “. Infine, il ministro conclude: “Queste norme sono più tutelanti del fatto che in maniera non regolata queste cose avvengano”

di Max Brod – 13 giugno 2015 – Il Fatto Quotidiano

foto Simona Caleo /Cgil (immagini di foto Simona Caleo /Cgil)Rodotà ha chiuso il suo intervento alle giornate del lavoro, ribadendo che oggi, per la salute della nostra democrazia e della coesione sociale il tema del lavoro è fondamentale: “Non abbiamo ancora i testi definitivi, ma il fatto di voler scardinare le tutele previste dallo Statuto dei lavoratori per il controllo a distanza dei dipendenti è grave. Non è in gioco ‘solo’ la difesa della privacy, ma la libertà delle persone”.

“Bisogna riflettere sul lavoro – ha concluso il suo intervento – non in maniera regressiva. L’articolo 1 della Costituzione è tornato di grande attualità, paradossalmente proprio nel momento in cui la repubblica, con i suoi tre milioni di poveri in più si separa dal lavoro. Quando cadono le garanzie del lavoro cadono, si aprono abissi e voragini ed è ancora una volta la politica ad avere un compito cruciale: tenere insieme democrazia e società”.

S.I. – 14/06/2015 – Rassegna.it [estratto]

Il governo renzi continua a demolire lo statuto dei lavoratori: il decreto “semplificazione” prevede il controllo a distanza…

Saranno contenti i dirigenti della Fincantieri che avevano proposto i microchip negli scarponi degli operai, perché adesso il padrone può “sottoporre a controllo gli strumenti di lavoro, pc, tablet, telefonini, ma anche badge o rilevatori di presenza” anche senza accordo sindacale. Il governo Renzi con il decreto legislativo sulle “semplificazioni” continua a smantellare lo Statuto dei lavoratori e in particolare in questo caso l’art. 4.

Ma ciò che fa felici i padroni è l’altra “novità”: “le informazioni raccolte, ottenute attraverso impianti o strumenti di lavoro, autorizzati o meno, potranno essere utilizzate “a tutti i fini connessi al rapporto di impiego”, quindi anche per ricavarne infrazioni potenzialmente rilevanti sul piano disciplinare.”

E come al solito lo studio di questi grandi cambiamenti a favore dei padroni sono opera di fior fiori di professoroni universitari, in questo caso “Maurizio Del Conte, professore di diritto del Lavoro alla Bocconi di Milano, e consigliere giuridico del premier Renzi.” Mentre un altro reputa addirittura “Un passo avanti, rispetto a oggi” “che non si consente più agli accordi collettivi di vietare l’utilizzo degli esiti dei controlli” spiega Arturo Maresca, ordinario di diritto del Lavoro alla Sapienza di Roma.”

E conclude, il “giornalista”, con un pizzico di risentimento che “La nuova disposizione mette però una condizione: l’impresa dovrà dare al lavoratore “adeguata informazione” delle modalità d’uso degli strumenti e di effettuazione dei controlli…”.

Certo, nel moderno fascismo padronale si possono tagliare i salari e i diritti, si può controllare anche a distanza, l’importante è informare… che grande soddisfazione per le lavoratrici e i lavoratori!

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco