Johnson & Johnson. Nuova multa. Pubblicità ingannevole di una protesi difettosa

Johnson & Johnson. Nuova multa. Pubblicità ingannevole di una protesi difettosa

Johnson & Johnson pagherà 120 milioni di dollari per pubblicità ingannevole

La farmaceutica e la suo associata DePuy sono stati accusati negli Stati Uniti per la vendita di una protesi d’anca che si è rivelata difettosa.

enero 23, 2019 – Manufactura

NEW YORK, USA – Il gruppo farmaceutico americano Johnson & Johnson ha raggiunto un accordo amichevole di 120 milioni di dollari con alcuni stati del paese, per risolvere le inchieste su una pubblicità ingannevole di protesi dell’anca difettosa.

Letitia James, Segretario di Giustizia dello Stato di New York, ha spiegato in una dichiarazione che il gruppo e il suo partner DePuy hanno ingannato il pubblico sulla longevità e sulla presunta qualità di un modello di protesi.

“Non dovremmo permettere alle aziende di ingannare liberamente il pubblico e soprattutto quando si tratta di problemi di salute”, ha detto James.

Questo accordo è “un messaggio importante che dimostra che le pratiche mediche ingannevoli e ingannevoli non saranno tollerate”, ha aggiunto il segretario.

Oltre a medicinali e prodotti per l’igiene, Johnson & Johnson produce attrezzature sanitarie e attualmente è oggetto di reclami relativi al suo talco negli Stati Uniti.

Associata a DePuy Inc, Johnson & Johnson commercializzava protesi d’anca che venivano restituite quando i pazienti si lamentavano di forti dolori e varie complicazioni.

I pazienti hanno ricevuto la protesi di tipo ASR XL acetabolare o Pinnacle Ultamet tra luglio 2003 e agosto 2010.

DePuy ha ritirato gli impianti ASR XL nel 2010 e ha sospeso la commercializzazione della protesi Pinnacle nel 2013.

Entrambe le società hanno già firmato accordi con i ricorrenti associati e lunedì è stato chiesto loro di continuare l’esame di eventuali richieste da parte di altri interessati.

Related posts