News

Lettere alla Redazione. Comunicati sindacali: idee confuse, soprattutto però a danno di chi dovrebbero rappresentare

Riceviamo e pubblichiamo

Ieri sono usciti ben tre comunicati sindacali , aventi ad oggetto la figura e il ruolo dell’informazione scientifica del farmaco . 

Ho tirato un sospiro di sollievo, mi sono detta che finalmente qualcuno, che ha un discreto potere decisionale e di confronto con Farmindustria, si è accorto che l’ISF, in questo periodo, appartiene ad una categoria di lavoratori particolarmente in difficoltà, al pari di tanti altri che vedono la loro attività drammaticamente sospesa, con tutti i rischi del caso.

Con una certa leggerezza di spirito mi sono messa a leggerli. Una volta, due volte, tre volte. Leggevo e non capivo, rileggevo … e niente. Siccome avevo avuto una giornata lavorativa molto intensa, iniziata alle 8.30 della mattina e finita alle 19.30, mi sono preparata un caffè, convinta di avere un po’ le pile scariche e riprendo la lettura da capo.

Purtroppo avevo letto bene fin dalla prima volta e ho dovuto prendere atto che per dirla con le parole usate dai miei familiari, ci hanno “fottuti” un’altra volta.

Quello che fa più male è che il sindacato ha ritenuto di dover schierare una poderosa batteria di fuoco (tre corposi comunicati tre, tutti nella stessa giornata) contro quei lavoratori che dovrebbe invece tutelare e da molti dei quali si fa pagare per farlo.

Il primo, ecumenico, introduce l’argomento: si chiede un incontro con le aziende del settore, in vista della ripresa, prendendo purtroppo atto che alcune si stanno muovendo, ultimamente, un po’ in ordine sparso e auspicando un “riavvio dell’attività di Informazione Scientifica che sia utile al nostro sistema Sanitario  e svolta secondo regole condivise“.

Chissà cosa intendono per ” informazione scientifica utile al sistema Sanitario “:

finora è stata forse dannosa?

Il secondo è devastante: in poche righe si parla di “informazione medica“, terminologia inesatta e che crea solo confusione (voluta?), di inadeguatezza della legislazione vigente, obsoleta  (!) già prima della pandemia. Ciliegina sulla torta, sono pronti a discutere di strumenti di informazione “alternativi alla visita tradizionale”: sembra tutto molto ragionevole, ma il diavolo si nasconde nei dettagli e sarebbe auspicabile  discutere di strumenti “integrativi” (non alternativi) della visita tradizionale.

Terzo comunicato : esilarante, se non fosse drammatico per quello che sancisce.

Innanzitutto è scritto dai sindacati del settore commercio, turismo e servizi,  e solo loro sanno cosa c’entrino con gli Informatori Scientifici del Farmaco. In secondo luogo plaudono all’iniziativa di un’azienda, che impiega i propri Informatori, denominati “farmaceutici” dai suddetti sindacati (utilizzando un termine che non esiste, ma d’altra parte cosa ne capiscono, visto che non è il loro settore) nella distribuzione dei dispositivi di protezione. Contravvenendo sia alle norme contrattuali, facendo svolgere una mansione per la quale esistono i corrieri, sia a norme imperative di legge, nazionali e regionali, che impediscono  di svolgere tale servizio in mancanza di adeguati mezzi di protezione.

In più mi viene da dire: ma se l’azienda manda questi colleghi dai medici a distribuire i dpi, perché non li manda a fare il loro lavoro, l’informazione scientifica? Sempre dal medico vanno.

E in tutti e tre questi comunicati i sindacati lamentano che aziende e regioni vanno in ordine sparso. 

A me sembra che le aziende abbiano, al contrario idee molto chiare. 

Il sindacato? Non pervenuto

Francesca Boni

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco