Archivio Storico

Luglio debole per l’export, da inizio anno è quasi crescita zero

Fans, antiaritmici, antidepressivi: sono farmaci la cui somministrazione negli anziani può determinare gravi effetti collaterali, fino a provocare ospedalizzazioni o decessi. Ma un programma educativo rivolto ai medici di famiglia può portare questi ultimi a ridurre la prescrizione di medicinali potenzialmente lesivi negli assistiti di età più avanzata. Lo dimostrano i risultati di una ricerca, apparsa su Drugs Aging, svolta dalla Ausl di Parma in collaborazione con la regione Emilia Romagna e la Thomas Jefferson University di Philadelphia. L’attività dei 303 medici di famiglia della Ausl di Parma e la loro attività prescrittiva in favore dell’intera popolazione ultrasessantacinquenne della stessa città (circa 90 mila persone) è stata monitorata per 2 anni da un’équipe multidisciplinare. Ai medici è stata fornita una lista di farmaci da evitare e un elenco di possibili alternative; inoltre, sono state svolte riunioni annuali per analizzare i dati relativi alle prescrizioni potenzialmente inappropriate; infine, sono state organizzate sessioni educazionali mediante lezioni accademiche e studio di casi clinici. Si è poi proceduto alla rilevazione quadrimestrale del tasso di esposizione a farmaci potenzialmente pericolosi, dal basale a fine intervento. Per evitare bias ed effetti confondenti, le prescrizioni di questo gruppo di medici sono state messe a confronto con quelle effettuate da 325 medici di famiglia di una Ausl vicina, quella di Reggio Emilia, simile anche per numerosità di anziani. Al termine dei 2 anni di osservazione è stato riscontrato che il tasso di prescrizioni di farmaci potenzialmente pericolosi per la salute degli anziani a Parma era diminuito del 31,4% rispetto a Reggio Emilia, dove la riduzione era del 21,6%. «La differenza del 10% significa che a 608 anziani sono stati evitati gli effetti potenzialmente tossici di questi farmaci», soprattutto Fans e digossina, ha spiegato Stefano del Canale della Ausl di Parma, secondo il quale «quello effettuato è un’importante intervento di salute pubblica» replicabile in altre realtà.

25 gennaio 2013 – DoctorNews33

 FCKUserFile/FCKUserFilesNaz/file/slides_IncontroParmaASL_Chiesi_marzo2012_final.pdf

“Educare” a non prescrivere farmaci nocivi agli anziani

Mai come questa volta l’obiettivo principale non è soltanto quello di risparmiare soldi. Con un’apposita ricerca l’Ausl di Parma – in collaborazione con la regione Emilia Romagna e con la Jefferson University di Philadelphia – è arrivato alla conclusione che "un programma educativo ad hoc può portare i medici di famiglia a ridurre notevolmen

Articoli correlati

Back to top button