No a relazioni pericolose tra medici e farmacisti

No a relazioni pericolose tra medici e farmacisti

Prima Novi Ligure, poi Milano e quindi chissà. Si allarga l’inchiesta della trasmissione Le Iene sulle truffe ai danni del Ssn condotte con il collaudato meccanismo delle false ricette: un medico compiacente prescrive un po’ di farmaci costosi a carico di un ignaro paziente, il farmacista "fustella" e spedisce alla Asl e poi rivende una seconda volta (su ricetta bianca) le confezioni senza tagliando oppure se ne disfa in modo più o meno clandestino. Così sembra facesse una farmacia di Novi Ligure chiusa a metà gennaio dai Nas (il servizio tv è andato in onda un paio di settimane dopo) e così parrebbero fare parecchie altre farmacie, anche a Milano, a giudicare da un secondo reportage della stessa trasmissione.

In attesa degli sviluppi (anche giudiziari) ce n’è a sufficienza per rimettere sul tavolo il vecchio tema delle "relazioni pericolose" tra medici e farmacisti: le due professioni dovrebbero rimanere separate da un muro invalicabile, di fatto sono spesso legati da rapporti immobiliari, con i primi ad affittare ai secondi appartamenti contigui alla farmacia per ospitare lo studio. «L’unica strada per vietare questo genere di rapporti» osserva il presidente della Fnomceo, Amedeo Bianco «sarebbe quella di un intervento legislativo. Che poi chi vuole scavalcherebbe facilmente con società di comodo o altre scorciatoie. No, è una questione che affonda nell’etica individuale, nella sensibilità di ciascuno. E poi, laddove emergessero profili penali, provvederà la magistratura».

«Io evito sempre questo genere di rapporti con il farmacista» rincara Roberto Carlo Rossi, presidente dell’Ordine di Milano «ma è difficile riuscire convincenti con i giovani medici che iniziano la professione con 400 o 500 pazienti e non hanno di che pagarsi lo studio. Se qui a Milano ormai un terzo dei Mmg è in affitto da un farmacista, se in città un’insegna offre a tariffe "calmierate" non solo lo studio, ma anche telefono, segretaria e infermiera, una ragione ci sarà. I costi aumentano, i compensi sono bloccati da anni, questo è il risultato».

14 febbraio 2012 – DoctorNews

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!