Poca richiesta: il farmaco più costoso del mondo (1 milione di euro) va fuori produzione

Poca richiesta: il farmaco più costoso del mondo (1 milione di euro) va fuori produzione

Glybera è stato messo fuori produzione a causa della scarsissima richiesta: era stato realizzato per il trattamento di una rarissima malattia genetica

fanpage.it – 24 APRILE 2017

Risultati immagini per GlyberaA partire dal prossimo ottobre il Glybera la prima terapia genica commerciale approvata in Europa e celebre per essere il farmaco più costoso del mondo, non verrà più messo in produzione: il suo costo sfiorava il milione di dollari. Lo ha reso noto uniQure, l’azienda farmaceutica che lo ha messo a punto. Il medicinale viene utilizzato per la cura della deficienza di lipoproteina lipasi, una malattia genetica estremamente rara che provoca un non corretto metabolismo dei grassi.

La terapia è stata approvata dalle autorità europee nel 2012, ma da allora il farmaco è stato adottato solo su un paziente.  Per questa ragione l’azienda ha deciso di non rinnovare la richiesta di commercializzazione, garantendo che la terapia sarà comunque disponibile per tutti i pazienti per cui verrà richiesta entro il 25 ottobre 2017, data di scadenza della prima autorizzazione. “La decisione è dovuta ad un attento riesame dei bisogni dei pazienti e dell’uso clinico della terapia, e non è legata ad alcuna preoccupazione sul rapporto rischi-beneficio – precisa Matthew Kapusta, Ceo di uniQure -. L’utilizzo di Glybera è stato molto limitato, e non prevediamo una crescita della domanda negli anni futuri”.

Come spiega l’Osservatorio sulle Malattie Rare la deficienza di lipoproteina lipasi “è una malattia ereditaria molto rara a causa della quale i pazienti non riescono a metabolizzare i globuli di grasso presenti nel sangue, il che provoca l’infiammazione del pancreas (pancreatite), una condizione estremamente grave, dolorosa e potenzialmente mortale. Glybera è indicato per il trattamento di pazienti adulti affetti da LPLD che soffrono di attacchi di pancreatite gravi o ricorrenti, nonostante una dieta rigorosa a basso tenore di grassi. La diagnosi di LPLD deve essere confermata da un test genetico e questo farmaco va somministrato esclusivamente ai pazienti con livelli rilevabili di proteina LPL”.

Notizie correlate:  Relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per Glybera

 

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!