Archivio Storico

Proposta Ue, farmaci sul mercato in tempi più brevi

Giro di vite dalla Commissione europea sui tempi delle procedure all’interno degli Stati membri per fissare il prezzo del farmaco e deciderne la rimborsabilità, che siano innovativi o generici. L’iniziativa era stata avviata dal vicepresidente della Commissione europea responsabile per l’industria, Antonio Tajani, e ora da Bruxelles parte la proposta di una drastica riduzione sui tempi per la messa sul mercato di un farmaco. E così, per i generici i tempi passerebbero dai 180 giorni attuali a 30 giorni, ossia 15 giorni per fissare il prezzo del prodotto e altri 15 per decidere se possano essere inseriti nel sistema di rimborsabilità. Per l’originale, invece, da 180 giorni si scende a 120, a eccezione di casi complessi. Una situazione di grande impatto visto che oggi spesso i limiti non vengono rispettati: si va, dicono gli esperti, dai 250 giorni reali per i generici, fino a punte di 700 giorni per un farmaco originale. Secondo Tajani «è necessario che la decisione sui prezzi e i rimborsi siano prese più rapidamente per preservare il dinamismo del mercato farmaceutico e offrire ai cittadini un miglior accesso ai medicinali. La proposta permetterà di fare delle economie sostanziali sui costi della salute pubblica, garantendo una maggiore prevedibilità e trasparenza per le imprese.

5 marzo 2012 – Farmacista33

Articoli correlati

Back to top button