Rapporto Osservasalute 2017. Ricciardi (ISS): “è evidente il fallimento del Servizio Sanitario Nazionale”

Rapporto Osservasalute 2017. Ricciardi (ISS): “è evidente il fallimento del Servizio Sanitario Nazionale”

Il settore farmaceutico, proprio per la sua rilevanza sulla salute dei cittadini, è una delle aree dei servizi sanitari maggiormente regolate ed è altamente standardizzato.

Sono, tuttavia, presenti nella letteratura scientifica, in particolare a partire dal 1990 dopo la pubblicazione dell’Harvard Study, vari Report in cui si analizzano i problemi collegati all’utilizzo dei farmaci (medication-related problems) tra i quali: sovra e sottoconsumo, prescrizioni di farmaci a pazienti che non ne hanno necessità e pluriprescrizioni di farmaci in pazienti anziani con patologie croniche.

Più recentemente, in Italia, è stato eseguito uno studio che, utilizzando i dati della Tessera Sanitaria e sulla base di indicatori predefiniti, ha valutato l’appropriatezza prescrittiva su tutta la popolazione italiana anziana (65 anni ed oltre) dimostrando una elevata frequenza di utilizzo non ottimale dei farmaci

In Italia, esiste una notevole variabilità geografica sia nei consumi che nel tasso di crescita dei farmaci erogati a carico del SSN, anche dopo l’aggiustamento degli stessi per età e genere, sulla base dei pesi predisposti dal Ministero della Salute.

Questa situazione si protrae, sostanzialmente immodificata, da numerosi anni e l’elevato tasso di crescita di alcune regioni con elevati consumi fa supporre che continuerà ancora ad aumentare se non intervengono misure correttive.

Le regioni con consumi più elevati dovrebbero attentamente monitorare l’utilizzo di farmaci nel proprio territorio, sviluppando strumenti di valutazione e di indagine per analizzare i consumi in termini di appropriatezza e di impatto sulla salute pubblica, soprattutto nella popolazione anziana che è molto spesso polimedicata e, pertanto, particolarmente soggetta a rischi derivanti da un utilizzo non appropriato.

Parallelamente, tutte le regioni dovrebbero implementare misure volte a garantire l’uso corretto ed appropriato dei farmaci.

[da Osservasalute 2017 – Assistenza farmaceutica territoriale]

“Per concludere”, dichiara il prof. Walter Ricciardi, “è evidente il fallimento del Servizio Sanitario Nazionale, anche nella sua ultima versione federalista, nel ridurre le differenze di spesa e della performance fra le regioni. Rimane aperto e sempre più urgente il dibattito sul ‘segno’ di tali differenze. Si tratta di differenze inique perché non ‘naturali’, ma frutto di scelte politiche e gestionali.

È auspicabile che si intervenga al più presto partendo da un riequilibrio del riparto del Fondo Sanitario Nazionale, non basato sui bisogni teorici desumibili solo dalla struttura demografica delle Regioni, ma sui reali bisogni di salute, così come è urgente un recupero di qualità gestionale e operativa del sistema, troppo deficitarie nelle regioni del Mezzogiorno, come ampiamente evidenziato nel nuovo Rapporto Osservasalute”.

[da Rapporto Osservasalute 2017 – Sintesi per la stampa]

Notizie correlate: FNOMCeO e Cittadinanzattiva su Osservasalute

Rapporto Osservasalute 2017

Related posts