News

Reggio Calabria. Prete arrestato per prostituzione minorile: si è spacciato anche per Informatore Scientifico

Reggio Calabria. Saverio, Nicola, Nico, un informatore scientifico, un professore di educazione fisica, perfino un Carabiniere. Sono i falsi nomi e le false qualità che si sarebbe attribuito il sacerdote arrestato ieri dalla Squadra Mobile per prostituzione minorile.

L’uomo, 44enne, è accusato anche del reato di sostituzione di persona. Sia su Whatsapp che su Badoo e Facebook o su Grinder e PlanetRomeo, due app per smartphone che consentono agli omosessuali di mettersi in contatto tra loro, il sacerdote si sarebbe “spogliato” dell’abito talare, e del proprio vero nome, per assumere il nickname di “Saverio”, “Nicola G.” e l’abbreviativo “Nico”; ma non solo, ad alcuni minori con cui avrebbe avuto rapporti sessuali, si sarebbe presentato sotto mentite spoglie, dicendo di essere di volta in volta un informatore scientifico, un professore di educazione fisica, e almeno in un caso perfino un Carabiniere, confermando con ciò il noto proverbio: l’abito non fa il monaco.

Fabio Papalia – Pubblicato da:

Notizia correlata: Prete Pedofilo, Le Intercettazioni. Secondo Giudici Il Vescovo Sapeva

Arrestato un prete per rapporti omosessuali con minorenni

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco