News

“Regioni non possono intervenire su libertà prescrittiva del medico”. Il Tar Lazio boccia Delibera regionale che limitava uso farmaci coperti da brevetto in presenza di generici

Accolto il ricorso presentato da alcune aziende farmaceutiche contro una delibera del Lazio che limitava la prescrizione di farmaci branded appartenenti ad alcune categorie terapeutiche ad alto consumo (betabloccanti, calcioantagonisti, Ace inibitori, anticolesterolo, ecc) quando esistano farmaci generici anche se con principi attivi ovviamente diversi. Per i giudici la Regione non può legiferare in questo ambito che è di competenza bipartita “Stato-Regioni”. LA SENTENZA

19 DIC – “L’attività di prescrizione dei farmaci appartiene alla competenza bipartita Stato – Regioni” e “spetta al medico la scelta in ordine al principio attivo da somministrare al paziente”. Così si è pronunciato il Tar del Lazio che ha accolto il ricorso presentato da alcune aziende farmaceutiche contro la delibera della Regione Lazio recante “Modifiche ed integrazioni alla DGR del 28 dicembre 2007, n. 1057 – Appropriatezza prescrittiva ed incremento dell’utilizzo dei farmaci di cui è scaduta la copertura brevettuale” n. 232 del 29 marzo 2008, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 17 del 7 maggio 2008.

( … continua su quotidiano sanità.it del 19 dicembre 2015 Luciano Fassari)

 La sentenza del Tar Lazio

 Delibera Regione Lazio

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button