Remunerazione farmacia: Ma AIFA fa gli interessi di chi?

Remunerazione farmacia: Ma AIFA fa gli interessi di chi?

By Redazione on 19 ottobre 2012

E’ notizia di ieri l’accordo raggiunto tra AIFA, Federfarma, ADF e Assofarm sulla nuova remunerazione di farmacie e grossisti. Una remunerazione che si compone di una parte forfetaria e una percentuale sul prezzo del farmaco ex-factory che ha il pregio di omogeneizzare i trattamenti a livello nazionale togliendo di mezzo le storture che attualmente caratterizzano i rimborsi delle Regioni alle farmacie.

Dunque apparentemente sembrerebbe tutto bene. Ma è proprio cosi? No, noi crediamo che questa poteva essere l’occasione per una vera spending rewiev in questo settore. Ristrutturare il processo distributivo del farmaco, a cominciare dalla fase di determinazione del prezzo di acquisto del farmaco SSN, per fare quelle economie sulla spesa farmaceutica, che sole permettono di finanziare i servizi professionali necessari a garantire un’assistenza qualificata sul territorio per i pazienti più bisognosi. Infatti non si comprende perché mai le regioni possano acquistare i farmaci direttamente dalle aziende farmaceutiche con uno sconto di almeno il 50%, mentre per quelli distribuiti dalle farmacie debba pagare alle stesse aziende farmaceutiche un importo pari al 65% del prezzo dei farmaci, con una perdita secca di almeno un miliardo di euro. Un regalo alle aziende farmaceutiche e magari anche ai distributori intermedi? E ancora ci interroghiamo sul perché Federfarma non ha preteso l’allineamento dei prezzi di acquisto visto che con esso si sarebbe favorito il passaggio dei farmaci in DD e DPC verso la farmacia?

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!