Si alla ricetta elettronica, ma senza ultimatum

Si alla ricetta elettronica, ma senza ultimatum

               Massimo Cozza 

Dichiarazione di Massimo Cozza, segretario nazionale FPCGIL Medici
e di Nicola Preiti, coord. naz.le FP CGIL Medici Medicina Generale

Flop di Brunetta dai certificati on line alle visite di controllo bocciate dalla Corte

 

Oramai ciò che per primi fin dal novembre 2009 avevamo denunciato è sotto gli occhi di tutti. Gli annunci sulle certificazioni on line e sui successi che si sarebbero raggiunti in qualche mese sono rimasti sulla carta.

 

Dopo diversi rinvii finalmente il sistema doveva partire a regime dal 19 luglio, ma il collaudo è stato prorogato senza più definire alcun termine.

 

Anche i pochi medici che possiedono il Pin per l’accesso spesso non sono in grado di utilizzarlo perché mancano i supporti organizzativi e le necessarie risorse.

 

Il Ministro Brunetta avrebbe dovuto studiare meglio. E’ stato anche bocciato dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 207 del 2010 che ha dichiarato illegittime le norme che impongono alle Asl il costo delle visite fiscali. Con quali risorse, dopo la manovra economica, gli enti pubblici, a partire dalla scuola, potranno pagare le Asl per controllare le certificazioni di malattia, sia cartacee che on line ?

 

Ma poiché siamo convinti che la certificazione on line sia un obbiettivo giusto, il metodo non può essere l’imposizione ma la condivisione con chi rappresenta realmente i medici, a partire dalle organizzazioni sindacali.

<

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!