News

Sicor-Teva Italia di Rho. “Prendiamoci un caffè” e la licenziano

Manifestazione dei colleghi  in sostegno della lavoratrice lasciata a casa senza preavviso. La sua funzione è stata esternalizzata

Rho (Milano), 3 novembre 2017 – Convocata dalla direzione aziendale per “bere un caffè insieme” e dopo qualche minuto licenziata. “Mi hanno consegnato la lettera e sono stata Il presidio, al centro Anna Palmabellaaccompagnata fuori dai cancelli“. Cinquantuno anni, mamma separata con tre figli, di cui due ancora minorenni, Anna Palmabella dopo 33 anni e 8 mesi di lavoro alla Sicor-Teva Italia di Rho, azienda del settore chimico-farmaceutico, è stata licenziata senza nessun preavviso e senza nessuna comunicazione alle Rsu. Motivo? La sua mansione di impiegata nell’ufficio personale è stata soppressa, o meglio, esternalizzata.

Le organizzazioni sindacali e le Rsu hanno indetto uno sciopero di 8 ore e giovedì mattina hanno fatto un presidio di protesta davanti ai cancelli di via Terrazzano.

( … continua su Il Giorno pubblicato il 

Scioperi di 8 ore negli stabilimenti di Rho e Bulciago, di 4 ore nello stabilimento di Santhià, blocco delle prestazioni straordinarie a Caronno. Sono queste le iniziative che hanno interessato nelle ultime ore gli stabilimenti del Gruppo israeliano Sicor Teva.

 

L'immagine può contenere: sMS

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco