Archivio Storico

Terrorismo psicologico del datore di lavoro costituisce mobbing

 Costituisce mobbing la condotta del datore di lavoro, sistematica e protratta nel tempo, tenuta nei confronti del lavoratore nell’ambiente di lavoro, che si risolva, sul piano oggettivo, in sistematici e reiterati abusi, idonei a configurare il cosiddetto terrorismo psicologico, e si caratterizzi, sul piano soggettivo, con la coscienza ed intenzione del datore di lavoro di arrecare danni – di vario tipo ed entità – al dipendente. Pertanto, se occorre il compimento di una pluralità di atti (giuridici o meramente materiali ed, eventualmente, anche leciti), questi devono essere diretti alla persecuzione o all’emarginazione del dipendente. [Avv. Ennio Grassini – www.dirittosanitario.net]

Giovedì, 19 Giugno 2014Doctor33

Connessione a siti internet a pagamento sul luogo di lavoro 

 

 

AD

Articoli correlati

Back to top button