Teva compra Ratiopharm

Teva compra Ratiopharm

Colpo di scena nel mondo della farmaceutica: l’azienda israeliana specializzata in medicinali generici Teva acquista il gigante tedesco Ratiopharm, anch’esso attivo nella produzione di prodotti equivalenti, per 3,625 miliardi di euro. L’annuncio ufficiale è stato dato ieri, dopo che voci insistenti avevano indicato nell’americana Pfizer la compratrice più accreditata e che anche l’azienda Actavis aveva tentato di aggiudicarsi l’affare. Quella fra Teva e Ratiopharm, da tempo alla ricerca del giusto compratore dopo i problemi finanziari che hanno coinvolto la famiglia proprietaria, i Merckle, è la maggiore operazione di fusione nel settore dei farmaci generici dal luglio 2008, quando la stessa israeliana comprò l’americana Barr per 7,5 miliardi di dollari. Teva Pharmaceutical Industries – si legge sul sito della società – è nata nel 1901 a Gerusalemme. E’ oggi presente in 60 Paesi del mondo e distribuisce i suoi prodotti in oltre 80. Occupa complessivamente 38 mila addetti e, a livello mondiale, si colloca tra le prime 20 imprese del settore farmaceutico.

In Italia Teva è arrivata nel 1996 e si è qualificata come azienda farmaceutica specializzata nello sviluppo di medicinali equivalenti oncologici, dedicati al settore ospedaliero. Ratiopharm nasce invece nel 1973 a Ulm e in Italia è presente dal 1998, con sede a Milano. Opera in 24 Paesi e i suoi farmaci sono disponibili in 38 Stati. La transazione annunciata ieri, soggetta ad approvazione da parte delle autorità competenti – evidenzia una nota di Teva – dovrebbe essere completata entro la fine del 2010.

Commentando l’operazione, Shlomo Yanai, presidente e Chief Executive Officer di Teva, ha sottolineato: "è un’acquisizione molto importante per l’azienda e si allinea perfettamente con la nostra strategia a lungo termine, nella quale l’Europa sarà fra i nostri principali terreni di crescita. Ratiopharm ci assicurerà una piattaforma ideale per rafforzare la nostra posizione di leadership nel vecchio continente, soprattutto in Germania, ma anche in mercati in veloce sviluppo come la Spagna, la Francia e l’Italia".

L’acquisizione posiziona infatti Teva come leader nel mercato dei farmaci generici in Europa e apporterà un sensibile aumento delle vendite, che dovrebbero passare dai 3,3 miliardi di dollari del 2009 a oltre 5 miliardi. Il portfolio di Ratiopharm include 500 molecole in oltre 10 mila diverse formulazioni, per una copertura di tutte le principali aree terapeutiche, precisa la nota di Teva, più una serie di biosimilari in fase di sviluppo.

Ludwig Merckle, portavoce della famiglia proprietaria di Ratiopharm, ammette che "separarsi dall’azienda è un passo doloroso per noi. Ma sono convinto che questa sia una buona soluzione, perché unendosi alla principale azienda di generici del mondo la società potrà crescere e avere successo".

<

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!